3 dicembre, le 5 petizioni PSI in tutta Italia! A Vicenza presso al sede del Psi di Vicenza in contrà San Marco 9

493
Le 5 petizioni dei socialisti
Le 5 petizioni dei socialisti

In tutta Italia, oggi, 3 dicembre, nelle proprie sedi e nelle piazze italiane,  i socialisti illustreranno e raccoglieranno le firme a sostegno delle 5 petizioni su scuola, sanità, partecipazione, ambiente e lavoro.

Il PSI vicentino, dalle ore 10,00 aprirà la propria sede in contrà San Marco 9, a Vicenza.
Le petizioni chiedono:
– la reintroduzione delle preferenze come già previsto in tutte le elezioni – comunali, regionali, europee – ma non per le politiche;
– una tassazione differenziata per equiparare lo stipendio uomo-donna;
– la reintroduzione di norme più stringenti relative ai licenziamenti;
– la riconversione degli attuali sistemi di trasporto su gomma indirizzando una parte significativa degli investimenti pubblici verso il potenziamento della rete ferroviaria italiana;
– il potenziamento del sistema delle borse di studio, per abbattere in maniera graduale i costi dei libri per i ragazzi delle scuole medie e superiori, fino ad arrivare alla gratuità per gli studenti delle scuole pubbliche in obbligo scolastico;
il potenziamento dei fondi finalizzati al riutilizzo e alla riconversione degli spazi in disuso proprietà dello Stato.

Avanti! , il nuovo numero 1 a Borgo Scroffa in mano a Fantò e Capristo
l’Avanti! , il nuovo numero 1 a Borgo Scroffa in mano a Fantò e Capristo

Luca Fantò, segretario del Psi di Vicenza, ha sintetizzato e commentato l’iniziativa sulle 5 petizioni in questo modo: “Abbiamo avanzato diverse proposte significative per migliorare il sistema elettorale, la parità di genere, le normative sul licenziamento, il trasporto pubblico, l’istruzione e il sostegno agli studenti universitari.

In primo luogo, proponiamo l’introduzione delle preferenze per tutte le elezioni, ad eccezione di quelle politiche. Questo garantirebbe una maggiore rappresentatività e partecipazione nei vari livelli di governo.

Un altro punto chiave riguarda la tassazione differenziata per equiparare gli stipendi tra uomini e donne, promuovendo la parità di genere nel mondo del lavoro.

Inoltre, ci opponiamo alle norme meno stringenti sul licenziamento illegittimo previste dal Jobs Act e dalla Legge Fornero, proponendo l’eliminazione di tali disposizioni per tutelare i lavoratori.

Per quanto riguarda il trasporto, suggeriamo di convertire gli attuali sistemi su gomma, indirizzando una parte significativa degli investimenti pubblici verso il potenziamento della rete ferroviaria italiana. Ciò contribuirebbe a migliorare l’efficienza del trasporto pubblico e a ridurre l’impatto ambientale.

In ambito educativo, proponiamo di potenziare il sistema delle borse di studio per ridurre gradualmente i costi dei libri per gli studenti delle scuole medie e superiori, fino ad arrivare alla gratuità per gli studenti delle scuole pubbliche in obbligo scolastico.

Infine, per sostenere gli studenti universitari, promuoviamo l’incentivazione del riutilizzo e della riconversione di spazi in disuso di proprietà dello Stato. Questo favorirebbe la creazione di nuovi ambienti di apprendimento e studio.

Luca Fantò

Segretario PSI Vicenza capoluogo