“Le domande di attualità ad orologeria del consigliere Colombara – attacca in una nota il segretario cittadino della Lega Matteo Celebron – evidenziano il nervosismo di un Centrosinistra che non si rassegna ad essere fuori dalla cabina di comando della nostra municipalizzata, lo posso capire umanamente, ma dovrebbe elaborare il lutto perché c’è una nuova governance che sta lavorando nell’interesse della città, non di questo o quel partito come, maliziosamente, insinua il consigliere di minoranza.

La campagna elettorale è finita da un pezzo e la nostra maggioranza ha espresso nuovi amministratori e sta disegnando con loro le strategie sia delle aggregazioni che, più in generale, del futuro di AIM, stiamo, in altre parole, lavorando su problemi e rinvii che abbiamo ereditato dall’Amministrazione precedente che ci ha lasciato il buco di bilancio della SIT e le aggregazioni scritte su carta da formaggio. Capisco il suo nervosismo ma se stiamo risolvendo i ritardi della maggioranza di cui lui ha fatto parte dovrebbe rivolgere le sue critiche altrove.

Dovremmo passare per il Consiglio comunale e far finta di coinvolgerlo come facevano loro in una condivisione fittizia mentre i veri accordi si facevano altrove. Non so se sia ingenuità o malafede, in ogni caso l’intemerata di Colombara è fuori luogo e poco credibile visto che per dieci anni è stato in silenzio di fronte ai ritardi ed ai rinvii di Variati & C.

Non abbiamo ricordi di interrogazioni o domande di attualità del consigliere tra il 2008 ed il 2018 sul futuro di AIM, forse era distratto ed improvvisamente si è accorto che AIM è una società del Comune di Vicenza, ma se ne accorge solo quando governa il Centrodestra.

Sembra una barzelletta. Quanto poi a quello che pensano il Sindaco e l’Amministratore Unico, stia sereno Colombara, perché lo pensa tutta la città.