Aim, è Gianfranco Vivian il nuovo amministratore unico del gruppo: il video della conferenza stampa di Francesco Rucco

395

È Gianfranco Vivian, ragioniere e dottore commercialista, il nuovo amministratore unico di Aim Gruppo – come si legge nella nota che pubblichiamo e come da noi anticipato stamattina. Lo ha annunciato stamane (nostro video e più tardi i nostri commenti su alcuni punti, ndr) nella sede di contra’ Pedemuro san Biagio il sindaco Francesco Rucco, al termine dell’assemblea di Aim, affiancato dal vicesindaco e assessore alle risorse economiche Matteo Tosetto e dal direttore generale di Aim Gruppo Dario Vianello. “Esperienza e competenza nel settore, con importanti incarichi di controllo negli enti pubblici – ha dichiarato Rucco – sono i motivi che ci hanno indotto a nominare il noto professionista”.

“Indipendentemente dalle tessere di partito – ha aggiunto Rucco -, riteniamo Vivian la figura più adatta per ricoprire il ruolo e per incarnare la nostra idea di cambiamento alla guida dell’azienda, che va rilanciata, affinché rimanga e diventi anzi sempre più protagonista nei mercati”.
Dopo aver ringraziato pubblicamente il predecessore, Umberto Lago, presente stamane all’assemblea, per il lavoro svolto, ma anche per aver rimesso il mandato subito dopo le elezioni comunali di giugno, il sindaco ha quindi annunciato quali saranno le priorità che verranno affidate al nuovo amministratore unico, a partire da lunedì, quando assumerà l’incarico.
“Va immediatamente ripreso il percorso interrotto con la veronese Agsm – ha quindi detto Rucco – per capire se è attuabile l’aggregazione tra le due società, al fine di diventare leader se non altro a livello veneto. L’obiettivo è costituire una società forte, concorrenziale rispetto ai grandi gruppi extraregionali che si occupano di gas ed elettricità, naturalmente senza svendere Aim nell’operazione, ma assegnandole invece il giusto peso all’interno della nuova società. Ce la metteremo tutta, pena la perdita di quote di mercato”.
“Chiederemo inoltre al nuovo amministratore unico – ha aggiunto il sindaco – di verificare la situazione economica dell’azienda, a partire da Sit, società in perdita, per capire se i piani industriali vanno bene o vanno rivisti, dove sono le criticità e quali invece sono gli elementi di forza su cui eventualmente investire. In questo fondamentale saranno i risultati della due diligence”.
“Infine – ha concluso Rucco – si dovrà lavorare sull’azienda per migliorare gli standard di efficienza e qualità nell’erogazione dei servizi, contenendo i costi e valorizzando il personale, che rappresenta un elemento imprescindibile per migliorare le risposte sul territorio da parte di Aim”.