Al liceo Fogazzaro sale in cattedra Legambiente: lezioni sulla sostenibilità e pulizia delle strade intorno alla scuola

299
Gli studenti del Liceo Fogazzaro impegnati nella pulizia delle strade vicine alla scuola
Gli studenti del Liceo Fogazzaro impegnati nella pulizia delle strade vicine alla scuola

Lezione a scuola e attività pratica: questo il percorso di formazione realizzato da Legambiente Vicenza con due classi quarte del liceo Fogazzaro.

Durante il primo incontro di formazione, l’associazione Legambiente si è presentata e ha presentato le sue attività, svolgendo poi dei workshop su alcuni dei temi significativi come alimentazione e moda sostenibili, mobilità green e cambiamento climatico; nel secondo incontro la presidente del circolo cittadino Valentina Dovigo ha parlato di raccolta differenziata e di economia circolare, in particolare riguardo la moda e i vestiti, partendo dalla proiezione di un documentario di Matteo Ward. Questi temi sono stati approfonditi anche durante una visita e un laboratorio alla cooperativa Insieme.

Questa mattina invece si è passati all’azione: alcuni volontari di Legambiente, insieme a tre professori del liceo, hanno accompagnato le classi in una pulizia delle strade e dei marciapiedi vicino alla scuola, lungo le strade limitrofe e l’argine pedonale del Retrone giungendo fino a piazza Matteotti. Sono stati raccolti venti sacchi di indifferenziato, tre di plastica e tre di carta, poi prontamente consegnati ad Aim-Agsm.

Per i tre professori del liceo Fogazzaro Giacomo Ruaro, Alessandra Tonin e Vita Miceli per i ragazzi è stato molto importante fare didattica fuori dall’aula, per vivere la città e comprenderne le problematiche, anche in riferimento ad un modo di vivere più sostenibile e sano: “Crediamo in queste metodologie didattiche, che aiutano gli studenti/esse ad accorgersi del mondo in cui vivono, incontrarne i pregi e i difetti e attivarsi democraticamente per un cambiamento. Questa è la vera educazione civica.”

Soddisfatta anche Valentina Dovigo, per aver fatto comprendere concretamente ai ragazzi il senso di parole come socialità, ambientalismo, attivismo e senso civico: “Strade e marciapiedi, da presidio di inciviltà per i tanti mozziconi e pezzi di carta o plastica gettati dall’incuria delle persone, si sono trasformati in momenti di riflessione e cittadinanza attiva. Ci auguriamo che, anche grazie a questa attività ed i ragionamenti sviluppati in classe, i giovani/e siano meno dipendenti dall’usa e getta che imperversa nel nostro mondo”.