Alto Vicentino Ambiente, presidente Cattelan: “Collaborazione con la giustizia e manteniamo lo standard dei servizi”

259
inceneritore di Schio ambiente vicentino alto

Da Alto Vicentino Ambiente massima collaborazione con la giustizia e focus inalterato sulla qualità dei servizi resi. Questa, in sintesi la posizione del Consiglio d’Amministrazione della società in-house partecipata da numerosi comuni dell’Alto Vicentino, dopo il caso del danno erariale scoperchiato dalla Guardia di finanza e incentrato sui conferimenti dell’indifferenziato all’inceneritore di Schio (ne abbiamo scritto qui).

Il presidente del Cda, Giovanni Cattelan, ha per questo motivo diffuso una comunicazione a tutti i dipendenti di Alto Vicentino Ambiente.

“La Società – vi si legge -, relativamente ai fatti contestati ad alcuni amministratori di AVA in carica tra gli anni 2011 e 2019 e al precedente Direttore Generale di cui avrete sicuramente appreso dalla stampa, con la presente ritiene utile precisare che, nello spirito di naturale collaborazione con gli organi inquirenti, Guardia di Finanza e Corte dei Conti, ha fornito tutte le informazioni richieste durante le indagini al fine di consentire una precisa ricostruzione.

La società ripone ovviamente piena fiducia nell’azione della Corte dei Conti e ritiene che il
procedimento possa consentire di fare piena e corretta luce sulla vicenda.

Giova inoltre ricordare che la Società in tutti questi anni si è contraddistinta per i bilanci in utile, per le prestazioni rese nella gestione dei servizi che gli sono stati affidati e per le tariffe contenute.

Crediamo, come Consiglio di Amministrazione, che l’unica vera risposta della Società possa essere solamente quella di mantenere questo livello dì qualità del servizio e questa efficienza ed efficacia del nostro agire in perfetta aderenza con la Missione della nostra azienda. La nostra determinazione nel perseguire, nell’interesse della socletà, i numerosi progetti in corso deve rimane inalterata”, conclude Cattelan.