Armatevi e nominate: “un camion di missili a Kiev, due Ad a me”. Mellana: “Lo decide la figlia della lupa, quella delle Fosse Ardeatine”

979
La figlia della lupa: armatevi e nominate!, by Claudio Mellana
Armatevi e nominate!, by Claudio Mellana

Il governo ha trovato la quadra anche sulle nomine: ogni due amministratori delegati assegnati c’è il via libera a una camion di missili per Kiev… Quando si dice la fantasia al potere. A chi sarebbe mai venuto in mente, infatti, di inventare che i 335 trucidati delle Fosse Ardeatine sono stati fucilati perché italiani se non alla figlia della lupa? La domanda a questo punto è: prima di essere fucilati per quale motivo erano per la stragrande parte già in carcere o, se ebrei, in attesa di essere deportati?

Doveva essere per lo stesso motivo, perché erano italiani, altrimenti la logicità della conseguenza a cui sono andati drammaticamente incontro va a farsi benedire.

Ma allora quale cavolo di legge metteva in galera gli italiani? Per orrido che fosse il codice Rocco non lo era ancora sino a quel punto.

Oddio, una simile legge ne avrebbe messi in prigione una minima parte in effetti, perché, se avessero dovuto carcerare tutti gli italiani, non vi sarebbero stati posti sufficienti.

A meno che, certo, questo è il motivo, a meno che gli italiani in quel periodo non fossero nei fatti detenuti nel loro paese. Prigionieri degli occupanti nazisti e dei loro tirapiedi fascisti.

Allora sì che i conti tornano.

Guarda te che la figlia della lupa non si è sbagliata. Si è espressa solo male. Forse.

Qui le vignette di Claudio Mellana e Almor

Articolo precedenteLucio Zaltron e amministrative di Vicenza: Rucco ha avuto sua occasione senza migliorare la città, giovane Possamai è la speranza di un nuovo stile
Articolo successivoCovid Veneto 12 aprile: 972 casi, 5 morti. A Vicenza 157 nuovi casi e 0 decessi. La tabella delle province
Claudio Mellana
Claudio Mellana (Torino, 30 settembre 1948) è un umorista italiano. Ha cominciato pubblicando su riviste underground o politiche alla fine degli anni sessanta. Nel 1970 ha fondato con Dario Mairano la rivista underground Pelo e Contropelo, attiva sino agli anni ottanta. Nel 1975 viene realizzata a Torino la prima mostra di satira politica, chiamata anch'essa Pelo e Contropelo. La sua prima importante collaborazione è del 1972 con Ca Balà, la rivista madre della moderna satira politica italiana, e poi si estende a svariati periodici e giornali: ABC, IO, Nuovasocietà, Pianeta, Radiocorriere, Il Collezionista. Suoi disegni compaiono su l'Unità, La Stampa, Stampa Sera, Paese Sera. Si dedica, a partire dagli anni '70, quasi esclusivamente alla satira politica e realizza centinaia di vignette, e manifesti, per i giornali sindacali della CGIL. Partecipa a numerose mostre collettive, in Italia e all'estero, ricevendo anche riconoscimenti e premi, e ha esposto in mostre personali a Carpi e Torino. Con Dino Aloi ha curato, per Feltrinelli, nel 1991 il libro Un Lavoro Da Ridere: Antologia Della Satira Del Movimento Operaio Dall'Ottocento a Oggi , nel quale vengono raccolte le vignette a carattere sindacale comparse nei periodici italiani dalla metà dell'800. Ancora con Dino Aloi, dal 1994, cura il Premio intitolato a Giorgio Cavallo per la satira e l'umorismo, per conto della città di Moncalieri. Nel 2007 collabora alla realizzazione della mostra "Ludere et ledere" (Umorismo grafico e satira politica) tenutasi a Bergamo. Nel 2008 alla mostra "Il sorriso graffiato" ( Fascismo e antifascismo nel disegno satirico dalla grande guerra alla Costituzione) tenutasi al Castello di Ussel a Chatillon in Valle d'Aosta. Nel 2010 alla mostra "Dalla Storia alla Satira" (Cronache ed eventi in caricatura da Cavour ad Andreotti) tenutasi all'Archivio di Stato di Torino. Nel 2010, insieme a Dino Aloi, pubblica "Umoristi in Piemonte" (Dizionario di autori e riviste per sorridere e graffiare dal 1848 ad oggi). Nel 2011 collabora alla realizzazione della mostra "La donna immaginata. L'immagine della donna" tenutasi a Torino. Nel 2013, sempre con Dino Aloi, realizza la mostra "Casimiro Teja. Sulla vetta dell'umorismo" e il relativo catalogo contiene la più dettagliata biografia del grande caricaturista torinese realizzata sino ad oggi. Espone frequentemente in mostre collettive. Nel 2019 pubblica con le Edizioni Neos il libro "Lo Sputasentenze" una raccolta di 583 aforismi e pensieri vari ed espone 50 vignette senza parole in una mostra personale allo Spazio Mouv' di Torino. Collabora attualmente con pubblicazioni su Internet come "Buduar", "Nuovasocietà", " ViPiu.it", "CiaLiguria", Iltorinese, Torinofan e "Tellusfolio". Ha pubblicato, ad oggi, oltre 3000 vignette