In un contesto negativo per le preoccupazioni causate dalla guerra sui dazi tra Usa e Cina (FTSE Mib finale a 21.708,06 con un -1,58%) e a poco meno di un’ora dalla chiusura della prima seduta in Borsa il titolo della neoquotata vicentina Askoll EVA è piazzato a 4,55 euro mettendo a segno un guadagno del 30 per cento. Segno di fiducia (scommessa?) sul futuro dell’azienda visto che il valore della produzione della società è di  4.4 milioni di euro nel 2017 con una perdita di 19 milioni, un Ebitda negativo e bilanci positivi solo dal 2020.


Questi risultati, che però gli investitori hanno valutato meno delle prospettive a più lungo termine del settore della mobilità elettrica su due ruote (qui il prospetto informativo), arrivano dopo aver fatto ricapitalizzazioni robuste.

Le azioni sono, quindi, sbarcate questa mattina al mercato Aim di Borsa Italiana dopo un collocamento di 3.443.500 azioni ad un prezzo di 3,50 euro per complessivi circa 12 milioni, con una capitalizzazione al debutto di oltre 54 milioni che supera già i 50 milioni di investimenti dichiarati da Elio Marioni (nella foto è il terzo da sx in un negozio monomarca Askoll Eva).

Il fondatore e Presidente di Askoll EVA e titolare della capogruppo Askoll Holding, che detiene la restante quota delle azioni (circa il 78%) come capofila di un gruppo che vanta un giro d’affari di 300 milioni e 2 mila dipendenti, volta, quindi, oggi la prima pagina di un progetto che lo aveva portato, al suo lancio, a definirsi “più innovativo di Steve Jobs“…. con una convinzione o una follia (degna, questa sì con certezza, del fondatore della Apple) che ora starà al futuro del mercato e dello sviluppo della neo quotata valutare. Con soddisfazione nel primo caso dei nuovi azionisti, con qualche preoccupazione nel secondo anche se c’è sempre da dire che nessun progetto veramente innovativo può partire senza una, purché giusta, dose di follia.

Borsa Italiana, che a fine seduta ha comunicato che da domani 12 luglio 2018 e fino a successiva comunicazione sulle azioni ordinarie ASKOLL EVA (EVA – Isin IT0005337123) non sarà consentita l’immissione di ordini senza limite di prezzo e che le azioni EVA verranno pertanto negoziate nel settore AI1X del segmento MA1 della piattaforma Millennium, aveva salutato l’esordio a Piazza Affari del titolo vicentino con la nosta seguente.

Borsa Italiana dà il benvenuto ad Askoll EVA su AIM Italia

– Askoll EVA è la sedicesima ammissione dell’anno sul mercato AIM Italia
– La quotazione di Askoll EVA porta a 105 il numero delle società attualmente quotate sul mercato dedicato alle piccole e medie imprese
– La società in fase di collocamento ha raccolto 12 milioni di Euro

Askoll EVA debutta oggi su AIM Italia. La società progetta, sviluppa e produce veicoli elettrici a due ruote, in particolare biciclette e scooter, così come kit e componenti nell’area dei motori e delle batterie elettriche. La società commercializza i prodotti attraverso differenti canali: punti vendita monomarca in Italia e in Francia ed una fitta rete di distributori in Italia ed in Europa.
In fase di collocamento la società ha raccolto 12 milioni di euro, il flottante al momento dell’ammissione è del 22,1% con una capitalizzazione pari a 54,4 milioni di euro. Il valore della produzione della società nel 2017 ammonta a 4,4 milioni di euro.

Banca Finnat è Nomad, Global Coordinator e Specialist.

Askoll EVA sarà inserita da domani nel paniere dell’indice FTSE AIM Italia.

In occasione dell’inizio delle negoziazioni Barbara Lunghi, Head of Primary Markets di Borsa Italiana, ha commentato:
Siamo molto contenti di dare il benvenuto ad Askoll EVA, certi che la quotazione contribuirà ad accelerare il percorso di crescita grazie all’accesso a nuovi capitali. La quotazione di Askoll EVA è un segnale importante per il listino che sta esprimendo numeri sempre più interessanti, attraendo società di qualità e l’interesse di una platea di investitori sempre più ampia. Siamo convinti che la maggior liquidità a disposizione delle PMI unitamente agli incentivi fiscali introdotti sui costi di quotazione incoraggeranno molte imprese a guardare al mercato quale strumento privilegiato per realizzare progetti di sviluppo ambiziosi.

Il Presidente di Askoll EVA, Elio Marioni, ha dichiarato:
Da 40 anni Askoll contribuisce a migliorare la qualità della vita con prodotti e tecnologie che sostengono la salvaguardia dell’ambiente. Askoll EVA ha reso la mobilità elettrica sostenibile concreta sin dal suo esordio sul mercato grazie alle competenze, all’impegno, alla tenacia e alla passione che ci muovono ogni giorno. L’accesso al mercato dei capitali ci permetterà di rendere la nostra azione ancora più rapida e incisiva con l’obiettivo di far diventare i veicoli elettrici sempre più i partner di tutti i giorni, sia per gli utilizzatori professionali, sia per il grande pubblico. Sono soddisfatto di questa importante operazione che permetterà una crescita significativa, sia in Italia, sia a livello Internazionale, di Askoll EVA nei prossimi anni, cogliendo anche nuove opportunità di un mercato ad alto potenziale e in veloce sviluppo. Il DNA e lo stile di Askoll saranno a garanzia di un rapporto di lungo termine con i nuovi azionisti.”.