Assestamento di bilancio per i “contenitori” della cultura a Vicenza, assessore Ilaria Fantin: 1.100.000 € per Olimpico, Chiericati e non solo

420
Ilaria Fantin, assessore alla cultura di Vicenza
Ilaria Fantin, assessore alla cultura di Vicenza

Oggi, Ilaria Fantin, assessore di Vicenza con deleghe alla cultura, al turismo e al progetto città attrattiva, ha incontrato la stampa nel suo ufficio a Palazzo del Territorio, accompagnata dalla dirigente Mattea Gazzola. L’incontro è stato focalizzato sui fondi stanziati in assestamento di bilancio per la cultura, con particolare attenzione al Teatro Olimpico e a Palazzo Chiericati.

Fondi stanziati e destinazioni

Sono stati assegnati 1.100.000 euro per la cultura: circa 600.000 euro destinati al Teatro Olimpico e a Palazzo Chiericati e oltre 500.000 euro riservati alle attività culturali e alla manutenzione della guardiania, necessaria per l’apertura dei musei cittadini.

Investimenti per il Teatro Olimpico

Per il Teatro Olimpico sono stati previsti 190.000 euro per vari interventi, tra cui la gestione degli impianti elettrici, l’antincendio e la messa in sicurezza degli impianti e dei solai. Parallelamente, un progetto PNRR è dedicato alla sicurezza antisismica del teatro. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di fare una fotografia generale delle criticità del teatro, concentrandosi su illuminotecnica, sicurezza e altri aspetti tecnici. Sono stati già affidati alcuni incarichi e si attendono relazioni dettagliate per procedere con i lavori necessari.

Progetti per Palazzo Chiericati

Palazzo Chiericati vedrà l’apertura della nuova ala entro la fine dell’anno, con investimenti di 380.000 euro per la gestione degli impianti, la promozione dell’ala ottocentesca, l’apertura della galleria permanente, la fornitura e posa di un gruppo frigo, il restauro delle scale. Questi interventi sono parte di un piano più ampio volto a migliorare l’attrattiva turistica della città a livello regionale e nazionale.

Programmazione culturale e aperture straordinarie

L’assessore Ilaria Fantin (qui altre notizie su e con lei, ndr) ha anche sottolineato il successo delle aperture straordinarie dei musei e l’intenzione di continuare questa pratica in occasioni salienti per la città. Inoltre, ha parlato della continuazione della programmazione del Forum Cultura e di altre iniziative come Desidera, My Day e Interno Verde, tra le altre.

 Problematiche e dialogo con la Sovrintendenza

Durante l’incontro, sono stati ricordati ben noti e vecchi problemi legati alla manutenzione e gestione del Teatro Olimpico, che richiedono un dialogo continuo con la Sovrintendenza alle Belle Arti. Fantin ha evidenziato l’importanza di questa collaborazione per garantire sia la tutela del patrimonio sia la promozione culturale. Si è discusso anche dell’esigenza di aggiornare e adeguare gli impianti del teatro per migliorare la sicurezza e la fruibilità degli spazi.

Obiettivi futuri

L’assessore ha concluso delineando gli obiettivi futuri, tra cui la definizione degli interventi più urgenti basata sulle relazioni tecniche attese e ha ribadito l’impegno dell’amministrazione a migliorare le strutture culturali della città e a promuovere una programmazione culturale ricca e variegata per coinvolgere un numero crescente di visitatori e turisti.

Questi, per quanto riguarda il Teatro Olimpico, sono stati complessivamente circa 200.000 nel 2023 (oltre 20.000 per gli spettacoli) mentre quest’anno l’obbiettivo è incrementarli ulteriormente visto che ad oggi già sono 100.000.

È questo uno dei motivi – ha sottolineato e concluso l’assessore Ilaria Fantin – per cui dobbiamo incrementare e migliorare i nostri rapporti con la Sovrintendenza, che ha un  nuovo Sovrintendente e che ha un focus soprattutto sull’aspetto “conservativo”, mentre per noi, nel rispetto di quel compito vogliamo anche incrementare la fruizione pubblica degli spazi“.

In sintesi, l’incontro ha messo in luce “l’impegno dell’amministrazione nel valorizzare e migliorare il patrimonio culturale di Vicenza attraverso investimenti mirati e una programmazione attenta alle esigenze della comunità e dei visitatori“.