Autonomia Veneto, senso di ottimismo profuso da Zaia dopo l’incontro odierno nei palazzi governativi romani.

Si è svolto oggi, infatti, un meeting sul tema tra il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, i vicepresidenti Matteo Salvini e Antonio Tajani e i ministri degli Affari Regionali e le Autonomie Roberto Calderoli, e per gli Affari Ue Raffaele Fitto.

“Ottime notizie arrivano dall’incontro di oggi – ha detto entusiasta il governatore veneto -. Un’occasione in più per sperare che il percorso per l’autonomia prenda corpo con questa maggioranza, l’unica che sta dimostrando fin dal primo giorno di mantener fede agli impegni, introducendo il progetto dell’autonomia definitivamente nel programma di Governo e affrontando di petto la questione.

Dall’incontro di oggi emerge che c’è sintonia nel portare avanti il progetto dell’autonomia; nessuno interpreta questo percorso come la secessione dei ricchi né tantomeno intende lasciar indietro qualcun altro.

È pur vero che la visione di uno Stato moderno non prescinde dal doveroso impegno di assumersi responsabilità, il che fa rima con autonomia e con federalismo – prosegue Zaia –

Da parte del Veneto c’è piena disponibilità a ragionare sulla legge di attuazione dell’autonomia, in maniera costruttiva e propositiva. Nella speranza che anche tutti coloro che hanno ancora perplessità lo facciano in maniera costruttiva, perché dire ‘no’ a priori all’autonomia vuol dire disconoscere la Costituzione. L’autonomia è la Costituzione, chi è contro di essa è contro la carta costituzionale”.