Azienda orafa di Vicenza al centro di un meccanismo di riciclaggio scoperto dalla Guardia di Finanza

353
imprenditori indagati a vicenza Centro massaggi cinese a Monticello azienda orafa di filo d'argento

Finiva in un’azienda orafa di Vicenza il denaro sequestrato dalla Guardia di Finanza nelle scorse ore nell’ambito di un’operazione contro il riciclaggio. L’indagine delle fiamme gialle ha condotto all’esecuzione di 3 fermi di indiziato di delitto e al sequestro di disponibilità finanziarie e denaro contante per oltre 6 milioni di euro. Le indagini, con perquisizioni presso abitazioni e aziende, si è sviluppata tra Milano, Novara e Vicenza.

Le investigazioni si sono concentrate su un gruppo familiare con base a Cusago, in provincia di Milano, formalmente impegnato nella conduzione di un mobilificio ma, di fatto, dedito al riciclaggio tramite sistema “hawala” di ingenti somme di denaro provento principalmente del traffico internazionale di droga a Milano e nel Nord Italia. Gli indagati effettuavano operazioni di prelievo e consegna del denaro contante.

Questo denaro, contato e confezionato in sacchetti della spesa, dalla Lombardia prendeva la strada di una azienda orafa di Vicenza, attiva nel locale distretto. In seguito il denaro veniva inviato suori dall’Italia per completare le fasi di riciclaggio.

La ḥawāla (conosciuta anche come hundi) è un sistema informale di trasferimento di valori basato sulle prestazioni e sull’onore di una vasta rete di mediatori, localizzati principalmente in Medio Oriente, Nord Africa, nel Corno d’Africa ed in Asia meridionale.