Un bambino di circa 2 anni ingoia un pezzo di hashish e finisce in ospedale: il padre è stato denunciato per lesioni colpose.

È quanto successo nei giorni scorsi nel Vicentino, come riferito dai carabinieri della compagnia di Valdagno che dopo aver ricostruito questa triste vicenda hanno provveduto a denunciare all’autorità giudiziaria un 51enne di Valdagno.

Lo scorso 30 settembre, intorno alle 23 – spiega l’Arma -, il minorenne è stato portato in pronto soccorso all’ospedale di Arzignano dai propri genitori. Il piccolo accusava difficoltà sanitarie e da subito è stata palesata la possibilità che avesse ingoiato la sostanza stupefacente.

Di conseguenza sono stati informati i carabinieri che hanno raggiunto il nosocomio mentre il piccolo è stato trasferito all’ospedale di Vicenza per le cure necessarie.

Da quanto ricostruito dai militari, il padre del bambino avrebbe lasciato incustodito in camera da letto un pezzo di hashish che il figlio ha ingoiato accidentalmente.

“Ora – precisano i carabinieri di Valdagno – l’uomo dovrà rispondere di lesioni colpose alla competente autorità giudiziaria berica. Si precisa che tutte le attività poste in essere dai militari operanti ed il conseguente deferimento in stato di libertà sono provvedimenti adottati d’iniziativa da parte degli stessi militari procedenti e che, per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza delle persone sottoposte ad indagini in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna”.