Banca d’Italia “sgancia” allo Stato 5.7 miliardi di euro: un cash back grazie allo spread…

Ignazio Visco
Ignazio Visco "governa" sulle banche da Banca d'Italia
- Pubblicità -

Banca d’Italia, il cui utile rispetto al 2017 è quasi raddoppiato, passando dai 3,9 miliardi ai 6,24 del 2018, ha appena arricchito le casse dello Stato: il Tesoro ha ricevuto una cifra pari a 5 miliardi e 700 milioni di euro (2,3 miliardi in più dell’anno precedente).

Il governatore Ignazio Visco, che ha presentato il bilancio all’assemblea dei soci nella giornata di ieri fornendo anche i dati appena elencati, ha aggiunto che la realizzazione di questo “ammontare elevato” dell’utile è dipesa in larga parte dalle “misure straordinarie della Bce”.

Coiè il Quantitative easing ha fatto bene alle casse di Palazzo Koch, che al 31 dicembre 2018, sui 393 miliardi di titoli acquistati nell’ambito del programma, ne deteneva ben 320 di debito italiano (che, come noto, paga discreti rendimenti  causa del suo elevato spread che ha, quindi, di fatto generato l’aumento degli utili).

I soci della Banca d’Italia (banche, assicurazioni e fondazioni), che detengono, però, solo diritti patrimoniali, riceveranno 227 milioni di euro di dividendi.

Insomma il Tesoro italiano, che da qualche mese deve sopportare maggiori oneri nelle aste dei titoli di Stato, può tirare un (momentaneo) sospiro di sollievo recuperando una parte del maggior costo con i 5,7 miliardi di euro, anche se una tantum, ricevuti da Bankitalia come una sorta di cash back.

-Pubblicità-
Ho il piacere e l'onore di dirigere questa testata. Dopo un'iniziale esperienza come ricercatore volontario universitario (1976-77) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (1976-78) ho maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica (1978-1993), ho ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi mi sono occupato di marketing e gestione sportiva (volley) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, per poi concentrarmi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche(VicenzaPiù.com, da me fondata nel 2006, ora ViPiu.it, Bankileaks.com, LaPiù.Tv e LaltraVicenza.it). La testata web, nata come settimanale cartaceo nel 2006, è da sempre un quotidiano web di approfondimenti su informazioni e di libere opinioni su Veneto (focus Vicenza), Nord est, Roma (Lazio), Latina con Riviera di Ulisse e Italia con uno sguardo su Europa e mondo. Sono giornalista professionista iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Lazio