Sociale, Regione Veneto stanzia oltre 2,5 milioni di euro per il superamento di barriere in mobilità e comunicazione 

290
barriere architettoniche abbattimento

Cittadini che vivono condizionati da barriere di movimento o di comunicazione: la Giunta della Regione del Veneto ha approvato tre provvedimenti. Le delibere sono state proposte dell’assessore alla Sanità e alle Politiche sociali, Manuela Lanzarin

Complessivamente, vengono stanziate risorse per oltre due milioni e mezzo di euro. La prima, infatti, destina 400 mila euro alle richieste per interventi di adattamento dei mezzi di locomozione privati, la seconda con 1.426.540 euro riguarda l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati, in quest’ultimo caso i Comuni rientranti nell’attribuzione dei fondi, provvederanno a liquidare il contributo agli aventi diritto. La terza del valore di 684.337 euro, valorizza e rafforza il progetto regionale “E-Inclusion: Vedo, Sento, Ascolto, Capisco” in modo da ottimizzare i risultati già ottenuti nel favorire l’uso di tecnologie innovative nel superamento degli ostacoli comunicativi nella fruizione dei servizi sociosanitari.

Il Progetto regionale “Prosecuzione, valorizzazione e rafforzamento del progetto ‘E-inclusion’: Vedo-Sento-Ascolto-Capisco” dà continuità agli interventi finalizzati all’abbattimento delle barriere alla comunicazione con l’obiettivo di ridurre le difficoltà nell’interazione tra cittadini con deficit uditivo e gli interlocutori della rete dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali anche con il supporto di strumenti tecnologici.

Punta alla diffusione di informazioni sull’accessibilità attraverso messaggi informativi di carattere generale sviluppando azioni di inclusività nei territori, anche in prospettiva della realizzazione dell’evento dei Giochi olimpici e paralimpici di Milano Cortina 2026. Per la realizzazione delle azioni progettuali si conferma la collaborazione e la sinergia con le Aziende ULSS, le Aziende Ospedaliere di Padova e Verona e l’Istituto Oncologico Veneto.

I 684.337 euro stanziati saranno così suddivisi: Ulss 1 Dolomiti 27.914,40 euro; Ulss 2 Marca Trevigiana 69.531,77 euro; Ulss 3 Serenissima 81.412,92 euro; Ulss 4 Veneto Orientale 29.566,07 euro; Ulss 5 Polesana 29.913,06 euro; Ulss 6 Euganea 72.528,93 euro; Ulss 7 Pedemontana 37.895,01 euro; Ulss 8 Berica 45.799,89 euro; Ulss 9 Scaligera 72.358,54 euro; Azienda Ospedale Università PD 72.528,94 euro; AO Università Integrata VR 72.358,54 euro; IOV 72.528,93 euro.

“Siamo certi con i nuovi provvedimenti mirati al superamento delle barriere architettoniche e di comunicazione ancora una volta si interviene a favore di numerosi cittadini e delle loro famiglie”, ha sottolineato l’assessore Lanzarin.