Basilica Palladiana, aperta la prevendita per la mostra “Pop/Beat- Italia 1960-1979. Liberi di sognare”

350
Il curatore Floreani e l'assessore Fantin presentano la mostra Pop-Beat in Basilica Palladiana
Il curatore Floreani e l'assessore Fantin presentano la mostra "Pop/Beat- Italia 1960-1979. Liberi di sognare" in Basilica Palladiana

Sono aperte da oggi le prenotazioni dei biglietti d’ingresso per la grande mostra in Basilica Palladiana “Pop/Beat- Italia 1960-1979. Liberi di sognare”, ed è funzionante anche il sito mostrapopbeat.it

L’assessore alla cultura, al turismo e all’attrattività della città Ilaria Fantin e il curatore Roberto Floreani hanno presentato in sala stucchi alcuni approfondimenti sulla mostra, un grande progetto di pittura, scultura, video e letteratura, che racconta le generazioni Pop e Beat italiane.

L’assessore alla cultura, al turismo e all’attrattività della città Ilaria Fantin ha definito la rassegna un evento che riempirà di colore e luce il grande salone della Basilica palladiana e saprà coinvolgere tutta la città. «Del resto lo sta già facendo- ha aggiunto -, vista la grande partecipazione da parte delle associazioni culturali che hanno manifestato fin da subito un grande interesse per il tema trattato, tanto che ci stiamo impegnando proprio per organizzare le varie proposte che animeranno non solo l’interno della Basilica ma anche l’esterno. Negli anni 1960-1979, quelli approfonditi dalla mostra, la produzione culturale era in mano ai giovani ed è in particolare a loro che vogliamo rivolgerci».

Il curatore Roberto Floreani ha puntato l’attenzione sull’aver voluto proporre una mostra viva, comprensibile, popolare: «Una mostra che riporti nella collettività la leggerezza e la propositività sociale di quegli anni, attualizzando quella “Libertà di sognare” che oggi può rivelarsi salvifica dopo le costrizioni del lockdown. Un progetto sul “sentire comune” di artisti, letterati, musicisti di un ventennio cruciale del nostro Paese, superando le barriere strettamente storiografiche, le rispettive rivendicazioni tematiche individuali, le stesse classificazioni Pop e Beat in gran parte nemmeno condivise dagli stessi artisti che han finito col farne parte».

Il progetto Pop propone 100 opere di 35 artisti provenienti da Collezione Intesa Sanpaolo, Gió Marconi, Mart, Museo Novecento di Firenze, MAMbo, dagli archivi di molti degli artisti in mostra nonché da alcune delle collezioni private più importanti d’Italia.

La temperatura Beat in mostra sarà garantita dalla musica di quegli anni diffusa in loop e rappresentata dai rari documenti originali di Gianni Milano, mentore di un’intera generazione, Aldo Piromalli, Andrea d’Anna, Gianni De Martino, Pietro Tartamella, Eros Alesi, Vincenzo Parrella e molti altri, nonché della vicenda artistica militante dell’Antigruppo siciliano guidato dalla figura carismatica di Nat Scammacca.

Il progetto di Floreani ricontestualizzerà la stessa natura della pop e della beat italiane, dando priorità a ciò che gli artisti stessi dichiaravano circa la loro ricerca, spesso non sentendosi affatto etichettabili come pop, per l’originalità del loro punto di vista rispetto agli americani, nonché percorrendo un tragitto che dalla Libertà di sognare approderà fatalmente alla Fine del sogno degli anni di piombo, della disillusione e della diffusione delle droghe pesanti, messe in scena in tutta la loro crudezza al Festival di Castelporziano nel 1979.

La mostra Pop/Beat – Italia 1960-1979 – Liberi di sognare sarà aperta dal 2 marzo al 30 giugno 2024, con orario da martedì a domenica 10.00 -18.00 (ultimo ingresso 17.30, chiuso lunedì); costo dei biglietti: open € 16,00 (acquistabile solo online, valido dal giorno dopo l’acquisto), intero € 13,00, ridotto € 11,00, ridotto bambini (dai 6 ai 14 anni, accompagnati da uno o due adulti) € 5,00, ridotto scuole (di ogni ordine e grado) € 5,00.

Omaggio: minori di 6 anni, giornalisti accreditati, guide turistiche abilitate con tesserino di riconoscimento, persone con disabilità e 1 accompagnatore per chi presenti necessità, 1 accompagnatore per gruppo, 2 accompagnatori per ogni gruppo scolastico, tessera ICOM in corso di validità

Per prenotazioni: tel. 0444 1970029

Per informazioni: mostrapopbeat.it

Fonte: “Pop/Beat- Italia 1960-1979. Liberi di sognare”, dal 2 marzo in Basilica Palladiana , Comune di Vicenza

Qui tutti i comunicati ufficiali del Comune di Vicenza