Basket A2 femminile: la Velcofin Interlocks Vicenza all’atto finale per rimanere in alto, domani 19 maggio contro Carugate gara-3 in casa alle 18

367
Velcofin Interlocks Vicenza (maglia bianca) in azione mentre le giovanissime ultras dell'As Vicenza, a sinistra, tifano per loro (foto VicenzaPiù - ViPiu.it)
Velcofin Interlocks Vicenza (maglia bianca) in azione mentre anche le giovanissime ultras dell'As Vicenza, a sinistra, tifano per loro (foto VicenzaPiù - ViPiu.it)

Ci siamo, non si può più sbagliare: per la Velcofin Interlocks Vicenza domani ci sarà l’ultima partita della stagione, quella che deciderà definitivamente i destini della squadra biancorossa. La gara-3 contro Carugate sancirà definitivamente chi rimarrà in A2 e chi, invece, dovrà scendere di categoria e affrontare nuovamente la Serie B. Palla a due alle ore 18 al Palazzetto dello Sport Città di Vicenza.

La serie tra Vicenza e Carugate, ugualmente a quella che ha contrapposto la Velcofin a Moncalieri, si è dimostrata molto equilibrata, tanto che nei primi due atti le due squadre hanno segnato lo stesso numero di punti (129). Tuttavia, le due partite sono state molto diverse l’una dall’altra: in gara-1, il distacco è stato rintuzzato dalla Dimensione Bagno negli ultimi dieci minuti, senza che le lombarde riuscissero mai a rientrare del tutto in partita. Gara-2, invece, è stata decisa solo nelle battute conclusive: a nulla è valsa, purtroppo, la splendida rimonta vicentina al rientro dagli spogliatoi, con le ragazze di coach Zara capaci di rientrare da un -13 di svantaggio fino anche a condurre la sfida, senza però riuscire a infierire il colpo del ko.

Ora, gara-3, in cui le beriche dovranno cercare di limitare al minimo gli errori e le palle perse, cercando di capitalizzare quello che Carugate concederà in difesa, tenendo comunque presente che le biancoazzurre si sono dimostrate avversario più che ostico nella loro metà campo. Vicenza forse ha un livello tecnico leggermente più alto, ma non si può assolutamente sottovalutare una compagine che in queste prime due partite ha dimostrato di non essere assolutamente inferiore. Le lunghe leve e il tiro di Tarkovicova, terminale offensivo principale di Carugate; le mani leste di Nespoli, sempre pronta a scippare il pallone alle dirette avversarie; le folate di Albanelli e Usuelli, capaci di rompere le rotazioni difensive; l’esperienza e la caparbietà di una giocatrice come Giulia Rulli, giocatrice che in A2 sa sempre fare la differenza.

Non sarà facile, per la Velcofin Interlocks Vicenza, vincere gara-3, ma parte dal fattore campo a favore e dalla consapevolezza che il percorso fatto fin qui non può essere vanificato. Questi ultimi mesi hanno mostrato una squadra quadrata, determinata e cattiva, che merita il posto in A2 per la stagione 2024-25. Servirà lottare per quaranta minuti, ma siamo convinti che l’obiettivo salvezza sia ampiamente a portata. Forza Vicenza!