Bassano del Grappa, il PD: “Hub Biosfera: come trasformare una buona idea in un disastro”

biosfera bassano grappa
Monte Grappa riserva della Biosfera
Il progetto della Biosfera a Bassano del Grappa è un’ottima idea, ma l’amministrazione comunale l’ha trasformata in un disastro. Ne è convinto il Partito democratico che, dopo la riunione di ieri della seconda commissione consiliare, in cui il vicesindaco Marin ha parlato del progetto dell’edificio che intendono costruire all’interno del progetto della Biosfera del Grappa, esterna in un comunicato stampa la sua opinione.

“In una commissione di solito si presenta un progetto che viene poi discusso per essere, idealmente, migliorato. Non in questo caso.

Presentazione alla stampa e al pubblico nei giorni scorsi, brochure già pronte e sito internet perfettamente funzionante che riporta il progetto come praticamente già fatto. La commissione di ieri è stata una pura formalità. In pratica, mancano solo i fondi.

Prima presentano un progetto e una location, al pubblico e alla stampa, e poi lo portano in commissione. La giunta Pavan dopo quasi 3 anni non ha ancora capito come funziona la macchina democratica” le parole di Mariella Merlo, ex consigliera comunale e membro del direttivo del PD cittadino, che prosegue “Non siamo contrari all’idea in sé, anzi, ma a come hanno deciso di realizzarla. Non possono fare tutto da soli, sono necessari dei confronti valutativi con i componenti del Consiglio Comunale, con il Consiglio di Quartiere e anche coi cittadini. Vogliono costruire una struttura per parlare di salvaguardia del territorio e sostenibilità, ma nel farlo consumeranno centinaia di metri quadri di verde in un parco pubblico. È un controsenso.

In commissione abbiamo già portato avanti le rimostranze dei tanti cittadini preoccupati per l’ennesimo consumo di verde che questo progetto, cosi com’è ora, prevede. L’amministrazione Pavan vuole costruire uno stabile permanente all’interno di Parco Ragazzi del ‘99 sfruttando un’area di prato che andrebbe definitivamente persa” interviene Chiara Campana, consigliera comunale del PD bassanese, che insiste “abbiamo avanzato anche la proposta di usare l’Urban Center e di recuperare uno stabile bellissimo ma ormai poco utilizzato. Si darebbe vita al progetto Hub Unesco dimostrando attenzione alla sostenibilità piuttosto che sfruttando e demolendo un’area verde.

In questi giorni faremo un censimento di tutte le aree F non utilizzate dal comune per trovare altri punti dove l’hub potrebbe essere costruito oppure integrato a strutture già esistenti (come Urban Center) e proporle alle prossime commissioni, piuttosto di utilizzare un parco pubblico. Anche continuare a ripetere che è un progetto per coinvolgere e far largo ai giovani è completamente fuori luogo: non è costruendo edifici al posto di ogni spazio verde disponibile che lasceremo un mondo migliore alle future generazioni.

Il progetto della Biosfera del Grappa è importantissimo, ma la giunta Pavan sta trasformando una bella idea in un disastro annunciato. Un altro edificio che, una volta terminato il progetto e i fondi, resterà una cattedrale nel deserto con enormi costi di manutenzione. Continueremo a dire in tutte le sedi che le aree verdi vanno salvaguardate, non occupate con edifici”.