Due giorni dopo aver perso le elezioni presidenziali in Brasile a favore dell’avversario Luiz Inácio Lula da Silva, il presidente Jair Bolsonaro ha accettato martedì un passaggio di potere, mettendo da parte i timori che il leader di estrema destra avrebbe contestato i risultati dopo aver avvertito per mesi che l’unico modo per perdere sarebbe stato se i voti fossero stati rubati.

In un discorso di due minuti, Bolsonaro ha ringraziato i suoi sostenitori, incoraggiato i manifestanti a essere pacifici, celebrato i suoi successi, criticato la sinistra e affermato di aver sempre seguito la Costituzione.

Quello che mancava era il riconoscimento della sua sconfitta e il fatto che le elezioni erano state libere ed eque. Parlando delle manifestazioni dei suoi sostenitori in tutto il Paese che dopo la sconfitta hanno organizzato blocchi stradali e creato disordini, l’ex presidente ha detto che quelle erano “il frutto dell’indignazione e dei sentimenti di ingiustizia nel processo elettorale. Le dimostrazioni pacifiche saranno sempre benvenute, ma i nostri metodi non possono essere quelli di sinistra, come l’invasione della proprietà, la distruzione di beni e le restrizioni al diritto di andare e venire”.

Dopo il discorso di Bolsonaro, il suo capo di stato maggiore ha preso il potere e ha detto che il governo avrebbe fatto spazio all’amministrazione entrante: l’inaugurazione è prevista per l’1 gennaio.

Fonte: The Vision