Carnevale di Venezia, la Guardia di Finanza sequestra 182mila prodotti irregolari. Plauso di Zaia

178
Gdf di Vicenza fast food schio
Carnevale di Venezia, plauso di Zaia al sequestro di 182mila prodotti non sicuri da parte della Guardia di Finanza

Il presidente della Regione veneto Luca Zaia ha commentato positivamente l’operazione della Guardia di Finanza veneziana che ha individuato e sequestrato una quantità ingente di materiali non sicuri legati al festeggiamento del carnevale, principalmente maschere e costumi. La merce sequestrata, per un totale di 182mila prodotti, era priva delle indicazioni relative all’importatore/distributore, al luogo di produzione o delle avvertenze circa il contenuto di materiali o sostanze pericolose.

Zaia ha ringraziato le Fiamme Gialle per il loro operato. “Il carnevale di Venezia – ha ricordato – è una festa planetaria che, a maggior ragione, deve svolgersi in sicurezza e in allegria. Alla sicurezza ci stanno pensando con impegno tutte le Forze dell’Ordine, ma oggi il plauso deve andare al Comando Provinciale di Venezia della Guardia di Finanza, che, intensificando i controlli ha individuato e sequestrato ben 182 mila prodotti di carnevale non sicuri”.

Il presidente Zaia ha poi sottolineato l’illegalità e il rischio della commercializzazione di merce non conforme: “L’introduzione e commercializzazione di materiali tarocchi, e quindi potenzialmente pericolosi – ha ribadito – è doppiamente esecrabile, primo perché per le persone potrebbe essere pericoloso indossare maschere o costumi realizzati con chissà quali materiali, secondo perché, così facendo, si crea un grave danno ai commercianti onesti, che vendono la loro merce con tutti i requisiti di legge che quindi, per ovvi motivi di qualità, non può reggere il confronto sul prezzo”.