CDP: CdA vara Linee guida su monitoraggio e valutazione d’impatto e nuove operazioni per 1,5 miliardi

1108
Cassa Depositi e Prestiti CDP presieduto da Giovanni Gorno Tempini
Cassa Depositi e Prestiti CDP presieduto da Giovanni Gorno Tempini

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti (CDP) presieduto da Giovanni Gorno Tempini e su proposta dell’Amministratore Delegato e Direttore Generale Dario Scannapieco ha approvato nuove operazioni a favore di imprese e territori per circa 1,5 miliardi di euro, le Linee guida metodologiche su monitoraggio e valutazione d’impatto e la Politica del Settore Difesa e Sicurezza.

Sostegno a imprese e territori e cooperazione internazionale

Le nuove operazioni, per un valore complessivo di circa 1,5 miliardi, comprendono finanziamenti e plafond, diretti e in pool con altre istituzioni finanziarie, per lo sviluppo sostenibile e innovativo dei piani di crescita delle imprese in Italiano e all’estero. I destinatari delle iniziative approvate in CdA sono aziende di piccole, medie e grandi dimensioni che puntino a nuovi programmi di investimento con impatti positivi sulle filiere strategiche del Made in Italy, sull’efficientamento energetico degli impianti produttivi e su possibili rilevanti ricadute occupazionali in diversi settori. Una parte delle risorse verrà destinata alla creazione, alla manutenzione e allo sviluppo di importanti infrastrutture. Ulteriori iniziative sono state definite nell’ambito della cooperazione internazionale e riguardano fondi destinati a promuovere progetti sia a sostegno della crescita sostenibile sia a tutela dell’ambiente e dell’ecosistema nei paesi emergenti e in via di sviluppo.

Linee Guida Metodologiche per il Monitoraggio e la Valutazione d’Impatto

Le Linee guida metodologiche per il monitoraggio e la valutazione d’impatto. approvate nell’odierno Cda di Cdp permettono l’inizio di un sistematico monitoraggio delle attività di CDP che vada oltre la misurazione delle risorse finanziarie e che informi sugli ambiti di intervento per passare da un modello basato sulla minimizzazione dei rischi e la massimizzazione del rendimento delle singole operazioni ad uno che aggiunge anche un obiettivo di impatto sullo sviluppo economico, sociale e ambientale delle imprese dei territori e del Paese nel loro complesso. Il documento approvato descrive le modalità attraverso le quali CDP intende impostare questa nuova attività. Il nuovo approccio, che richiede cambiamenti diffusi nell’operatività e nella cultura di CDP, ha la finalità di produrre forti benefici in termini di trasparenza della propria azione, di migliore supporto alle controparti nella fase di realizzazione dei progetti e di miglioramento continuo della strategia in ottica di generazione degli impatti.

La Politica del Settore Difesa e Sicurezza

In linea con il Piano Strategico 2022-2024, che punta a rendere Cassa Depositi e Prestiti un’istituzione policy driven, cioè guidata nelle sue scelte da politiche sia trasversali che settoriali, il Consiglio di Amministrazione ha varato la Politica del Settore Difesa e Sicurezza che definisce le linee guida dell’operatività di CDP in tali settori.

Si tratta della seconda policy settoriale approvata dal CdA dopo quella sul settore Energia, che completa il novero delle policy 2022 tra cui quelle generali su finanziamento e investimento responsabile e quella su diversità, equità e inclusione.