Centro giovanile Zona Tre a San Pio X

146
La presentazione del Centro Zona Tre
Da sinistra: Laura Ragno di Casa Blu aps, Laura Busato della Coop. Soc. Aster Tre, l'assessore Nicolai e Crtistiana Sartori di Aster Tre

La città di Vicenza offre un nuovo luogo di aggregazione dedicato ai giovani, nel quartiere di San Pio X: si tratta Centro Zona Tre in via Toaldo 9, gestito da Aster Tre, cooperativa che per tutto il 2023 si era occupata di coinvolge in attività i bambini e ragazzi fino ai 14 anni d’età, ora amplia l’offerta rivolgendosi anche ai giovani fino ai 35 anni d’età.

Il Centro, coordinato dall’assessorato alla politiche giovanili, va ad aggiungersi agli altri centri giovanili attivi in città: il Centro Tecchio a San Lazzaro e il Polo Giovani B55 e Porto Burci in centro storico.

Nel Centro Zona Tre negli scorsi anni gli operatori si sono dedicati alla crescita e all’inclusione minorile e giovanile. Nei vent’anni di gestione da parte di Aster Tre, che si occuperà del centro fino a maggio 2025, il Centro è diventato un solido punto di riferimento per minori e giovani alla ricerca di opportunità di crescita, sviluppo personale e buone relazioni ed ora si avvia verso un ulteriore sviluppo coinvolgendo i giovani fino ai 35 anni. Lo ha annunciato oggi l’assessore alle politiche giovanili Leonardo Nicolai, con Laura Busato e Cristiana Sartori per la Cooperativa Sociale Aster Tre e con Roberto Marconi, presidente, e Laura Ragno per la Casa Blu aps.

L’assessore Nicolai ha sottolineato quanto gli anni Venti, anche a causa della pandemia, siano difficili per le generazioni più giovani, che spesso si rivelano particolarmente fragili. Per questo c’è bisogno di rendere nuovamente i giovani protagonisti: «Per farlo – ha dichiarato Nicolai – servono posti dove poter far esprimere i ragazzi e le ragazze della nostra città. L’amministrazione, quindi, intende ampliare l’offerta di spazi giovanili. Il Centro Zona Tre diventa un nuovo polo al fianco di quelli già esistenti, come il B55, Porto Burci e il Centro Tecchio. Una scelta importante anche da un punto di vista geografico: l’obiettivo infatti è quello di dotare la città di spazi giovanili dislocati in tutte le zone. Oggi quindi andiamo a coprire l’est della città, in particolare dentro a un quartiere vivissimo che ha oltre 10mila abitanti e al cui interno convivono diverse comunità».

Laura Busato della Cooperativa Sociale Aster Tre ha evidenziato l’importanza di seguire i giovani in modo continuativo, con interventi programmati e coordinati da personale qualificato: «L’educazione alla gestione del tempo libero – ha spiegato -, aspetto generalmente considerato di secondaria importanza, è invece fondamentale: la socializzazione non va intesa solamente come una meta da raggiungere ma è un “modo di essere”, un bisogno di incontrarsi e di stare insieme rapportandosi e confrontandosi in modo corretto con l’altro. In questo lungo percorso di progressivo sviluppo nel territorio e del territorio, il Centro Zona Tre è lo spazio fisico e sociale in cui ogni individuo vive, si esprime, stringe le sue relazioni laddove la prevenzione è il primo degli strumenti utili alla crescita della popolazione per la soluzione di problematiche legate ai fattori di rischio della vita quotidiana».

Il Centro Zona Tre presenta una vasta gamma di servizi e programmi progettati per ispirare, educare e impegnare minori e giovani in collaborazione con il Focus giovani, rete di realtà attive da anni nell’ambito educativo e giovanile. Tra le attività offerte vi sono l’educazione e il supporto scolastico: nei pomeriggi dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18 e il sabato mattina dalle 10 alle 12 gli educatori sono a disposizione per lo studio assistito dai 6 ai 14 anni e a breve sarà possibile anche per la fascia d’età 14-16 anni.

Sono attivati programmi educativi e workshop sulla prevenzione di comportamenti a rischio come il consumo di droghe, abuso di alcol, bullismo e altro. Altre attività promuovono l’inclusione sociale, la diversità e l’uguaglianza di opportunità per tutti.

In ambito formativo vengono realizzati laboratori e workshop educativi, programmi di educazione ai rapporti interpersonali, alla relazione non violenta, alla pace e gestione dei conflitti, e percorsi di coeducazione intergenerazionale tra anziani e bambini, progettualità sull’educazione economica e il valore del denaro, incontri di orientamento professionale, sessioni di mentoring.

Sono previste anche lezioni di musica, teatro, inglese e altre attività culturali per esprimere la creatività e sviluppare talenti artistici. Inoltre, sempre attraverso workshop, viene promossa la consapevolezza ambientale. Per implementare le competenze digitali sono disponibili corsi di informatica e programmazione.

Ci sarà spazio anche per attività ludiche, escursioni ed eventi, previsti anche durante l’estate che hanno la finalità di promuovere uno stile di vita attivo e sano, divertimento, socializzazione e sviluppo di abilità come strategia, problem solving e teamwork.

I giovani saranno coinvolti in attività di volontariato, iniziative comunitarie e di partecipazione civica. Lo sportello “Ti Ascolto”, poi, fornisce counseling individuale, familiare e supporto genitoriale.

Per ulteriori informazioni su programmi, servizi e attività previste: www.astertre.it, Cooperativa Sociale Aster Tre, 3911412395, aster3coopsociale@gmail.com

 

——
Fonte: Centro giovanile Zona Tre a San Pio X , Comune di Vicenza

Qui tutti i comunicati ufficiali del Comune di Vicenza