Coalizione Civica Vicenza: “No a forzature sulla Tav. Altro smacco all’orizzonte per Rucco”

939
Scavalco a est Tav Tac Vicenza Padova coalizione civica pd vicenza
Scavalco a est Tav Tac Vicenza Padova (foto GdV)

I portavoce di Coalizione Civica Vicenza, Nora Rodriguez e Ciro Asproso, intervengono sugli ultimi sviluppi della Tav in città.

“Il progetto definitivo dell’Alta Velocità nel tratto tra Vicenza e Padova dovrebbe essere pronto ad aprile. Così il commissario Vincenzo Macello ieri a Padova, come riportato dal quotidiano locale.

La notizia è tutta da verificare – precisano i due componenti di Coalizione Civica Vicenza -, ma se così fosse, sarebbe un altro ulteriore smacco per la credibilità del sindaco di Vicenza, Francesco Rucco. È ben noto infatti, che la posizione del sindaco sul II° Lotto è sempre stata svogliata e pilatesca, ma quantomeno per la parte Est, era sembrato in buona fede e intenzionato a farsi valere. Tuttavia, se davvero siamo al progetto definitivo, significa che Vicenza non ha alcun peso politico e che ci lasciamo trattare come una colonia.

La posizione di Coalizione Civica Vicenza è sempre stata a favore dell’attraversamento della linea ad Alta Capacità, ma fortemente critica su questo progetto e orientata ad un’infrastruttura più ‘leggera’ e rispettosa del territorio. Per questo continuiamo ad insistere sulla soluzione a 3 binari, per l’intera tratta che va da Ponte Alto alla Stanga, e pretendiamo che si faccia subito chiarezza sulla progettazione del III° Lotto.

Arrivare al progetto definitivo senza nemmeno un confronto sul preliminare ci sembra pura fantascienza, ma se le notizie di Stampa fossero confermate, si tratterebbe di un fatto gravissimo e dalle pesanti conseguenze politiche, su cui Rucco sarebbe chiamato a rispondere.

La cosa non sarebbe meno grave, neppure se il definitivo riguardasse il tratto Grisignano – Padova. Poiché, in questo caso, vorrebbe dire che il famigerato “salto del montone” ricadrebbe completamente nel Comune di Vicenza e presumibilmente a Settecà. Con buona pace del sindaco che, a parole, ha sempre dichiarato di non volerlo.

Per parte nostra annunciamo fin d’ora che presenteremo ricorso per mancanza della VIA e per l’irregolarità dell’iter procedurale”, concludono Rodriguez e Asproso.

(Cliccando qui puoi consultare una rassegna di articoli sull’argomento Attraversamento Tav Vicenza)w