Codice azzurro nei pronto soccorso: via la sperimentazione nel Vicentino

180
Bambino codice azzurro

Negli ospedali di Bassano del Grappa e di Asiago è stato recentemente introdotto il codice azzurro, tra quelli che identificano la priorità del caso da trattare. Si tratta di un codice collocabile tra il “bianco” e il “verde” e che sono riferiti a casi tipo ferite da suturare, violenze subite per le quali i pazienti, spesso soggetti fragili come gli anziani, non avevano alternative al recarsi in Pronto Soccorso. 

I due ospedali vicentini lo hanno introdotto nell’ambito di un progetto pilota regionale che si pone l’obiettivo di garantire una presa in carico più appropriata per alcune categorie di pazienti che normalmente rientrerebbero nei codici bianchi. Questi ultimi – secondo alcuni dati dell’azienda sanitaria locale – rappresentano la parte preponderante degli accessi in Pronto Soccorso: “Oltre il 66% dei 145 mila accessi registrati nei tre Pronto Soccorso durante tutto il 2023”.

La decisione di introdurre il codice azzurro è basata su uno studio di oltre 65 mila cartelle del 2022 a Bassano e – nelle intenzioni dei promotori – dovrebbe migliorare i tempi di assistenza e ridurre la conflittualità tra i pazienti in attesa.

L’indagine realizzata dai medici del Pronto Soccorso di Bassano del Grappa è stata vagliata dal Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza (CREU) ed è stato quindi deciso di avviare un progetto pilota di sei mesi negli ospedali di Bassano e Asiago. Al termine di questo periodo i risultati saranno analizzati e, se positivi, l’iniziativa potrebbe essere approfondita attraverso una sperimentazione più ampia a livello regionale.