Codici: nuovi dati allarmanti sulla vita precaria dei padri separati

609
Padri separati: i nuovi poveri caritas
Padri separati: i nuovi poveri

La triste conferma di una realtà trascurata o, peggio ancora, ignorata per giunta dopo la pandemia e in presenza del caro energia e dell’inflazione attuali: è quella sulla vita precaria dei padri separati che arriva dall’ultimo rapporto di Caritas ambrosiana, rilanciato dall’associazione Codici nella speranza che finalmente le istituzioni si attivino in maniera concreta per affrontare un problema che negli ultimi anni si è aggravato a causa della pandemia e del caro energia, con un’inflazione che non concede tregue.

I nuovi poveri

“I padri separati sono presenti in maniera sempre più numerosa tra i nuovi poveri – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici –, ovvero tra quelle persone che hanno casa, lavoro e famiglia ma non arrivano alla fine del mese. La separazione e le spese di mantenimento, spesso accompagnate da quelle necessarie per andare ad abitare in un’altra casa in quanto quella in cui vivevano è stata assegnata dal giudice alla moglie, fanno sprofondare questi papà in una situazione di grandissima difficoltà. C’è chi finisce anche a dormire in auto, perché non ha la possibilità di pagarsi un affitto perché nel frattempo ha perso il lavoro. Una sofferenza non solo di natura economica, ma anche psicologica. In alcuni casi, infatti, subentra la depressione. La separazione lascia ferite profonde e non è facile ripartire. Non è semplice, ad esempio, ricostruire il rapporto con i figli, soprattutto quando non si può contare su un posto accogliente dove incontrarli e si è costretti ad andare al centro commerciale oppure al fast food per trascorrere qualche ora insieme”.

La situazione in Lombardia dei padri separati

“È una situazione che riguarda tutto il territorio nazionale – sottolinea Giacomelli –. Un quadro che trova conferma dai vari studi svolti periodicamente. Secondo l’ultimo rapporto di Caritas ambrosiana, ad esempio, i nuovi poveri causati dalla pandemia in un caso su due, parliamo di circa il 45%, sono rappresentati nella Diocesi di Milano da uomini separati o divorziati. Nella città metropolitana di Milano i papà che vivono in questa condizione sono quasi 60mila, nelle province di Como e di Monza e Brianza il dato arriva a circa 30mila. Ed è così che tanti padri separati finiscono in coda alle mense di poveri”.

Un aiuto per tornare a vivere

“Abbiamo inviato una lettera-appello alla Ministra per la famiglia, la natalità e le pari opportunità, Eugenia Roccella – ricorda il Segretario Nazionale di Codici –, chiedendo una maggiore attenzione ai padri separati. Serve un aiuto più forte per chi esce da una separazione, non dimenticando che queste situazioni ricadono in maniera pesante sui figli. Bisogna studiare forme di aiuto concrete e rapide che permettano di vivere una vita dignitosa, senza sprofondare nella povertà e nella disperazione”.

——
Fonte: Codici: nuovi dati allarmanti sulla vita precaria dei padri separati , Codici.org

Qui tutti le notizie di Codici – Centro per il diritto dei cittadini