Eseguita confisca di beni dalla GdF di Treviso per quasi 1,2 milioni di euro nei confronti di un pluripregiudicato

Confisca di denaro
Confisca di denaro

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Treviso (qui altre notizie su GdF e su Guardia di Finanza di interesse di ViPiu.it, ndr) ha dato esecuzione a un decreto emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Venezia, a seguito di indagini dirette inizialmente dalla Procura della Repubblica di Treviso e poi coordinate dalla Procura della Repubblica di Venezia, con il quale è stata disposta la confisca, nei confronti di una persona residente in provincia di Treviso, di beni, per un valore complessivo di quasi 1,2 milioni di Euro, così composti:

  •   villa di circa 300 mq., del valore di € 450.000, risultata peraltro abusiva e oggetto di un’ordinanza di demolizione da parte del comune competente;
  •   disponibilità finanziarie per € 686.579,45, tra saldi di conto corrente, polizze assicurative, titoli azionari, libretti di risparmio;
  •   2 kg. di gioielli (bracciali, orologi, anelli, collane, monete, spille, etc.), rinvenuti in una cassetta di sicurezza di una filiale di banca, per un valore di € 40.000.Il medesimo decreto di confisca ha inoltre disposto, nei confronti dello stesso soggetto e per la durata di anni due, la misura di prevenzione personale consistente nella sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

    I provvedimenti di confisca fanno seguito a indagini patrimoniali delegate al Gruppo della Guardia di Finanza di Treviso nei confronti del soggetto – caratterizzato da numerosi precedenti e condanne penali (minacce, lesioni, ingiurie, falsità, plurime truffe ai danni di privati, insolvenze fraudolente, ricettazione, rapina, tentato furto) e dunque ritenuto, sulla base delle previsioni del c.d. “Codice antimafia”, socialmente pericoloso – grazie alle quali è stato possibile evidenziare una palese “sproporzione” tra il suo patrimonio e la circostanza che egli non abbia mai svolto alcuna attività economica o percepito alcun reddito.

    Le indagini, infatti, hanno consentito di accertare, anche in capo ai familiari conviventi del soggetto ritenuto socialmente pericoloso, molteplici denunce e condanne definitive per reati della stessa tipologia del capofamiglia (spesso commessi in concorso con lui) e nessuna fonte reddituale che potesse giustificare la legittima provenienza del patrimonio accumulato nel tempo.

    L’assenza di una vera e documentata occupazione lavorativa, così come di un reddito lecito, ha consentito di acquisire concreti elementi circa il fatto che l’intero nucleo familiare abbia da sempre tratto le proprie fonti di sussistenza dalla commissione di reati.

    L’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Treviso rientra in una più ampia strategia di aggressione alle ricchezze di provenienza illecita accumulate da soggetti criminali, perseguita dalla Procura di Venezia utilizzando gli incisivi strumenti offerti da una normativa antimafia tra le più avanzate in ambito internazionale.

    In tale azione, le Fiamme Gialle possono contare su moderne tecnologie informatiche di monitoraggio dei patrimoni criminali (come il software “Molecola”), basate sull’analisi incrociata delle informazioni presenti nelle diverse banche dati, che consentono un approccio investigativo unico nello sviluppo delle investigazioni economiche, finanziarie e patrimoniali a contrasto della criminalità.

    IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA VENEZIA (dott. Bruno Cherchi)

Si rappresenta che la misura è stata eseguita nella fase dell’indagine preliminare e che per il principio della presunzione di innocenza, la colpevolezza della persona sottoposta ad indagine in relazione alla vicenda sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

Il comunicato è stato autorizzato dalla competente Procura ricorrendo motivi di interesse pubblico.

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere il nostro articolo ed accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, alle Newsletter online e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Grazie, Giovanni Coviello

Sei già registrato? Clicca qui per accedere