”Grande è la confusione sotto il cielo”, affermava Mao Zedong, “quindi la situazione è eccellente!”.  Non so voi ma io non trovo che la situazione sia eccellente e poi non trovo che i pensieri di Mao siano così intelligenti.

Aveva invece capito tutto tanti anni fa Mogol, e con anticipo, che per la canzone Confusione, nel 1972, scriveva:” Tu lo chiami solo un vecchio sporco imbroglio
Ma è uno sbaglio, è petrolio
”.

E a cavallo del 1973 e del 1974 ci sarà la crisi petrolifera che causerà quella che chiamiamo austerity.

E Mogol, sempre nella canzone,  chiosava:” Se sei figlia della solita illusione e se fai confusione”, non tenendo conto che gli imprevisti accadono.

L’attuale confusione purtroppo non è quella simpatica che ci regala la lingua napoletana con l’espressione “facite ammuina”, è invece figlia dell’imprevedibile, per incapacità o impossibilità ognuno dirà la sua in proposito, che fa seguito alla confusione regalataci dal covid-19.

E adesso non cominciate a dire che non c’è il due senza il tre…

Qui tutte le vignette di Claudio Mellana (e Almor)

In copertina l’accoppiata e sotto quelle di oggi

ANCHE LE COLOMBE SI INCAZZANO, by Claudio Mellana
ANCHE LE COLOMBE SI INCAZZANO, by Claudio Mellana
Mani pulite o... impunite, by Claudio Mellana
Mani pulite o… impunite, by Claudio Mellana
Articolo precedenteGelato di qualità, cono inventato in Usa dal veneto Italo Marchioni. Alberto Villanova: legge regionale per tradizione, sostenibilità e tracciabilità
Articolo successivoCannabis, François-Marie Arouet (Aduc): torna il sogno americano?
Claudio Mellana (Torino, 30 settembre 1948) è un umorista italiano. Ha cominciato pubblicando su riviste underground o politiche alla fine degli anni sessanta. Nel 1970 ha fondato con Dario Mairano la rivista underground Pelo e Contropelo, attiva sino agli anni ottanta. Nel 1975 viene realizzata a Torino la prima mostra di satira politica, chiamata anch'essa Pelo e Contropelo. La sua prima importante collaborazione è del 1972 con Ca Balà, la rivista madre della moderna satira politica italiana, e poi si estende a svariati periodici e giornali: ABC, IO, Nuovasocietà, Pianeta, Radiocorriere, Il Collezionista. Suoi disegni compaiono su l'Unità, La Stampa, Stampa Sera, Paese Sera. Si dedica, a partire dagli anni '70, quasi esclusivamente alla satira politica e realizza centinaia di vignette, e manifesti, per i giornali sindacali della CGIL. Partecipa a numerose mostre collettive, in Italia e all'estero, ricevendo anche riconoscimenti e premi, e ha esposto in mostre personali a Carpi e Torino. Con Dino Aloi ha curato, per Feltrinelli, nel 1991 il libro Un Lavoro Da Ridere: Antologia Della Satira Del Movimento Operaio Dall'Ottocento a Oggi , nel quale vengono raccolte le vignette a carattere sindacale comparse nei periodici italiani dalla metà dell'800. Ancora con Dino Aloi, dal 1994, cura il Premio intitolato a Giorgio Cavallo per la satira e l'umorismo, per conto della città di Moncalieri. Nel 2007 collabora alla realizzazione della mostra "Ludere et ledere" (Umorismo grafico e satira politica) tenutasi a Bergamo. Nel 2008 alla mostra "Il sorriso graffiato" ( Fascismo e antifascismo nel disegno satirico dalla grande guerra alla Costituzione) tenutasi al Castello di Ussel a Chatillon in Valle d'Aosta. Nel 2010 alla mostra "Dalla Storia alla Satira" (Cronache ed eventi in caricatura da Cavour ad Andreotti) tenutasi all'Archivio di Stato di Torino. Nel 2010, insieme a Dino Aloi, pubblica "Umoristi in Piemonte" (Dizionario di autori e riviste per sorridere e graffiare dal 1848 ad oggi). Nel 2011 collabora alla realizzazione della mostra "La donna immaginata. L'immagine della donna" tenutasi a Torino. Nel 2013, sempre con Dino Aloi, realizza la mostra "Casimiro Teja. Sulla vetta dell'umorismo" e il relativo catalogo contiene la più dettagliata biografia del grande caricaturista torinese realizzata sino ad oggi. Espone frequentemente in mostre collettive. Nel 2019 pubblica con le Edizioni Neos il libro "Lo Sputasentenze" una raccolta di 583 aforismi e pensieri vari ed espone 50 vignette senza parole in una mostra personale allo Spazio Mouv' di Torino. Collabora attualmente con pubblicazioni su Internet come "Buduar", "Nuovasocietà", " ViPiu.it", "CiaLiguria", Iltorinese, Torinofan e "Tellusfolio". Ha pubblicato, ad oggi, oltre 3000 vignette