Corruzione del Qatar, coinvolta collaboratrice dell’europarlamentare vicentina Alessandra Moretti

2181
corruzione qatar fenomeni migratori

C’è anche una collaboratrice di Alessandra Moretti, europarlamentare vicentina del Partito Democratico, nel caso “Corruzione del Qatar”. Si tratta di Federica Garbagnati ma è bene precisare che la Moretti non è indagata.

Alla stessa abbiamo richiesto una dichiarazione che esprima la sua posizione in merito a quanto emerso e riportato da diversi media nazionali e che riporteremo da queste pagine non appena possibile.

Si apprende inoltre che tra le persone coinvolte, ma non indagate, figura anche Davide Zoggia, ex sindaco di Jesolo e presidente della provincia di Venezia che, atualmente, all’Europarlamento lavora nello staff di Pietro Bartolo e anche per Brando Benifei, entrambi europarlamentari che non sono sotto indagine.

Il caso corruzione del Qatar – specifichiamo a beneficio dei lettori – è quello della presunta rete di corruzione allestita dal Qatar all’interno delle istituzioni europee. Ovvero, un’altrettanto presunta attività di lobbying che avrebbe coinvolto eurodeputati, funzionari e assistenti.

Le accuse sono di associazione a delinquere, corruzione e riciclaggio di denaro. Si sospetta che il Qatar, cercando di affermarsi a livello internazionale e di nascondere le proprie sistematiche violazioni dei diritti umani e civili, abbia allestito una rete di corruzione di parti importanti di alcune istituzioni europee. In definitiva: soldi e regali a funzionari delle stesse per ottenere decisioni favorevoli da parte del Parlamento europeo.

Le autorità belghe, che hanno disposto perquisizioni e interrogatori, hanno fermato 6 persone in Belgio, di cui quattro sono state arrestate e due rilasciate. Nella prima situazione si trovano Eva Kaili, una delle 14 vice presidenti del Parlamento europeo, greca, Pier Antonio Panzeri, europarlamentare con il Centrosinistra tra il 2004 e il 2019, Francesco Giorgi, compagno di Kaili, assistente parlamentare e fondatore della ong Fight Impunity e Niccolò Figà-Talamanca, a capo della ong No Peace Without Justice.

I due rilasciato sono Luca Visentini, segretario generale della Confederazione internazionale dei sindacati, e il padre della Kaili.