La Consigliera regionale Cristina Guarda (Europa Verde) interviene sulla crisi idrica che sta costringendo gli amministratori a correre ai ripari.

“La crisi idrica rischia di aggravarsi nelle prossime settimane in mancanza di piogge abbondanti col rischio di dover ricorrere a scelte radicali. Tuttavia il rischio concreto è che la situazione si ripresenti con sempre maggiore frequenza. Per questo è importante comprendere lo stato di salute dell’impianto idrico e quale dispersione d’acqua dipenda da condotte risalenti ancora al secolo scorso.

Dobbiamo velocizzare i lavori necessari a eliminare lo spreco derivante dalla diffusione della acqua.

Inoltre ricordo che il contenimento dell’utilizzo delle risorse idriche, il riuso delle acque reflue depurate, il ricorso all’irrigazione di precisione: sono tutti strumenti necessari a limitare l’impatto di periodi siccitosi che sempre più frequentemente si alternano a fenomeni atmosferici violenti”.

Conclude Guarda: “Dobbiamo investire in ciò che ci consente di trattenere l’acqua quando c’è, perché anche l’eccessiva cementificazione è nemica delle risorse idriche”.