Cub Sanità, Maria Teresa Turetta segreteria regionale CUB Veneto: lavoratori sanità non accettano ricatto “O ti vaccini o ti tolgo il salario”

Medici e infermieri italiani in azione contro il Covid dall'insorgere della pandemia
Medici e infermieri italiani in azione contro il Covid dall'insorgere della pandemia
- Pubblicità -

I lavoratori della Sanità, ovvero gli “eroi” della pandemia 2020-2021 che hanno salvato vite umane lavorando in condizioni indicibili, trascurando riposi e affetti – scrive nella nota di  CUB Sanità Veneto, che pubblichiamo, la segretaria regionale Cub Maria Teresa Turetta, ora saranno decimati perché sospesi dal servizio in quanto non intendono, per vari motivi, sottoporsi al ricatto “o ti vaccini o ti tolgo il salario“. E’ quanto annunciato in questi giorni sulla stampa regionale.

Maria Teresa Turetta manifesta davanti al Comune di Vicenza
Maria Teresa Turetta manifesta

Come sindacato ci siamo schierati a fianco dei sanitari che si ribellano a tale imposizione perchè troviamo inaccettabile e pericoloso questo ricatto, vile nei contenuti e nelle modalità di applicazione. La sospensione dal salario e dal servizio introdotta dal Decreto 44/2021 è totalmente deregolamentata dai contratti nazionali e dalla normativa del Pubblico Impiego e del lavoro privato;  per tale motivo abbiamo considerato grave questo intervento normativo che colpisce e discrimina la categoria degli operatori sanitari ponendoli di fatto davanti alla scelta obbligata di vaccinarsi per poter mantenere il proprio stipendio e quindi sfamare i propri figli.

E’ vergognosa la campagna diffamatoria messa in atto contro medici, infermieri e operatori che non si vogliono vaccinare per i più disparati motivi (ad esempio perchè sono già stati contagiati, hanno problemi di salute, hanno convinzioni personali che li inducono a non vaccinarsi): nei posti di lavoro e sulla stampa sono additati come untori e sbeffeggiati con epiteti come  “No Vax”. Ebbene molti di loro, se avessero la certezza che il vaccino proposto contro il sars Cov 2 garantisse realmente l’immunità, sarebbero i primi a vaccinarsi. In realtà siamo in presenza di un vaccino sperimentale che non tutela il vaccinato da ulteriori contagi e, quindi, proprio per evitare di trasmettere il contagio, a sua volta deve continuare a utilizzare i dispositivi di sicurezza (mascherine, guanti, ecc.).

Questa caccia agli untori finirà quando scopriremo i dati sui vaccinati che si sono ammalati, con i conseguenti contagi che avranno causato a loro volta: proprio per questo invieremo nei prossimi giorni una richiesta di dati in questo senso alla Regione Veneto. Inoltre saremo concretamente a fianco degli operatori sanitari con iniziative di mobilitazione in tutte le città per dire che per salvare la sanità veneta si devono affrontare problemi molto concreti come la carenza di personale, la scarsità di sale di rianimazione, lo spreco di denaro che si concretizza quando i servizi sanitari pubblici sono privatizzati.

Soprattutto a breve tutti capiremo che la campagna denigratoria contro gli Operatori sanitari “No Vax” è funzionale a distrarre l’attenzione pubblica da chi con la Pandemia e con la sanità sta facendo i propri interessi.

CUB Sanità Veneto

Maria Teresa Turetta

-Pubblicità-