Domenica 19 giugno 2022, dalle ore 10.30 alle ore 18.00, presso Remo Villa Cariolato sarà inaugurata la prima edizione di DegusteRemo. Nel parco di Villa Cariolato, edificio storico costruito nella seconda metà del XIX° secolo, saranno presentate al pubblico trenta eccellenze enogastronomiche .

A corredo di questo inedito tour enogastronomico si svolgeranno due master class; il primo sullo Champagne sarà tenuto da Philippe Landreat, proprietario dell’omonima cantina francese. Il secondo, sui formaggi italiani e francesi, sarà curato da Luca De Franceschi de’ La Stanga delle Bontà.

Ogni azienda proporrà ai visitatori un percorso di studio dei propri prodotti, che svelerà i  “trucchi” per riconoscere le ricette della qualità di un vino e il suo ideale o occasionale abbinamento .

Ogni azienda presente narrerà la propria storia e autenticità di gusto e di sapori e illustrerà ai partecipanti profili enogastronomici sconosciuti, o meno noti .

A Tavola, lezioni di  storia  e cultura : la vita di Domenico Cariolato . 

Nel percorso “georgico” della Villa Berica, si potrà ripercorrere un pezzo di storia del Risorgimento. Infatti l’edificio fu la dimora di un vicentino importante, ma poco conosciuto: Domenico Cariolato, luogotenente di Garibaldi.

All’interno della struttura la famiglia Baratto, attuale proprietaria, ha allestito una riproposizione  storico – figurativa della vita del “garibaldino”, nativo di Vicenza .

Il patriota vicentino (1835-1910) fu uno degli oltre Mille volontari in camicia rossa condotti da Giuseppe Garibaldi. Si distinse tra gli uomini di maggior fiducia del Generale nizzardo . Ad attestare la sua speciale stima, l’Eroe dei Due Mondi, da Caprera,  in una lettera gli scrisse: ” valoroso mio fratello d’armi in tutte le battaglie italiane a cui ebbi l’onore di partecipare” .

Una vita intera per gli ideali e l’Italia .

Nel 1849 quattordicenne, Cariolato partecipò all’insurrezione di Genova, e successivamente alla difesa della Repubblica Romana. Nel 1860 a venticinque anni si distingue a Calatafimi nella vittoriosa giornata del 15 maggio. Nel 1867, nominato colonnello da Garibaldi, che l’aveva già accolto nel suo Quartier Generale, venne incaricato di recarsi nella Capitale e promuovere l’insurrezione popolare, per dare un significativo segnale alla successiva campagna di Mentana.  Nel 1870, entra nella legione garibaldina e combatte contro i Prussiani, difendendo la Repubblica francese e liberando Digione.

Unità italiana e valori morali,  cardini della vita di Domenico, un idealista di “Provincia” .

L’ex alto ufficiale di Garibaldi, esponente del radicalismo vicentino, si dimostrerà sempre un attivo portavoce dei principi morali per i quali ha costantemente combattuto, a cominciare dall’ incessante azione per la conquista dell’Unità nazionale.

A Vicenza, attaccata la divisa del guerriero, insieme alla moglie Anna Maria Piccoli, per un lungo periodo fu il tutore dell’asilo di Bertesina, fondato dal suocero nel 1870, destinato ad ospitare 60 figli di agricoltori e lavoratori dei campi. La casa dell’ infanzia divenne il  primo modello, nel neonato Regno d’Italia del metodo Froebeliano.

Un uomo di un tempo lontano, intriso di valori e principi morali ed umani, per i quali ha sempre mantenuto una sua personale coerenza.

Pagine di storia e cultura di un eroe italiano, sfogliabili, tra un calice e un gourmet, all’ombra degli alberi secolari di Villa Cariolato.

Articolo precedenteLargo Paolo Rossi a Vicenza, posata la prima pietra Cantiere operativo entro giugno
Articolo successivoCarabinieri di Valdagno, da fine maggio accentuazione operazioni di controllo: furti scoperti, denunce e prevenzione dei furti in abitazione
Marco Spiandorello , padre di cinque figli,vive e risiede a Padova. Ha compiuto inizialmente gli studi professionali turistico alberghieri, completati con un percorso economico –giuridico all'Università di Perugia . Dopo giovanili esperienze lavorative nel settore turistico alberghiero in Italia e all’estero, in particolare in Svizzera, e l'assolvimento del servizio militare , ha iniziato l’attività imprenditoriale, giovanissimo, rilevando l’azienda di famiglia, un Centro di Formazione professionale di Padova. Contemporaneamente ha alternato esperienze lavorative , sempre in Italia e all’estero ,con l’insegnamento nella scuola pubblica e l’attività di cooperazione in particolare nel Paesi dell'Est Europa e dell'Africa Centrale . Nel 1994, dopo la partecipazione al concorso nazionale,viene immesso in ruolo dal Ministero della Pubblica Istruzione, in qualità di docente di scuola superiore per le discipline di marketing e laboratorio turistico alberghiero. L’insegnamento e l’esercizio della libera professione, oltre all’attività di impresa gli permettono di lavorare in diversi settori (istruzione e formazione professionale,industria turistica,pubblicaamministrazione,pmi,università’,agroalimentare,sicurezza,lavoro,termalismo,agroambiente,comunicazione pubblica,sociale, immigrazione e cooperazione),in quasi tutte le regioni italiane,e in diversi paesi esteri(Slovacchia,Spagna,Romania,Moldavia,Albania,Bielorussia,Ucraina,e Senegal). Solo negli anni 2000 si approccia a tematiche completamente diverse dall’origine del suo itinerario personale,organizzando azioni, e progettando studi, dedicati a due ambiti cruciali della vita del nostro Paese:l’Immigrazione e la Sicurezza pubblica insieme allo Sviluppo economico del territorio. Le sue esperienze professionali hanno registrato numerose attività, in qualità di organizzatore di eventi,missioni istituzionali e di cooperazione, oltre a diverse attività redazionali e giornalistiche a mezzo stampa e radiotelevisive. E' stato consulente degli Enti strumentali della Regione Veneto e Regione (Lazio Lavoro e Veneto Lavoro) negli anni 2003-2005 relativamente a progetti di formazione lavoro e gestione dei flussi migratori provenienti dalla Moldavia,Romania e Albania. Dal 2008 al 2015 è stato amministratore di diverse società di progettazione e gestione di attività di cooperazione nei settori turistico,culturale,economico e del lavoro in Ucraina,Albania,Moldavia e Romania. Dal 2013 al 2015 ha svolto l'incarico di direttore del CIMECT (Centro Internazionale della Moldavia per lo sviluppo della cultura turistica) presso l'Università di Stato Ion Creanga di Chisinau. Ha maturato numerose esperienze tecnico -politiche “dietro le quinte” collaborando come consulente esperto di consiglieri e amministratori locali e parlamentari nazionali ed europei dal 1990 al 2010 . Dal 2011 al 2015 e’ stato coordinatore della più’ grande struttura formativa nazionale Istituti Formazione Lavoro, accreditata nel settore del benessere , con più di 1000 allievi dislocati in quattro province del Veneto, allargando la sua esperienza nel settore della formazione professionale riconosciuta e finanziata avviata nel 1992. Quest’ultima esperienza gli ha permesso di erogare attività di servizio pubblico per la Pubblica amministrazione (Regione Veneto formazione ) con la conseguente acquisizione di conoscenze e competenze nei sistemi di processo della progettazione,controllo e rendicontazione delle risorse pubbliche nazionali ed europee . Dal 2012 al 2014 è stato professore incaricato dell'Università di Stato “I. Creanga” a chisinau (repubblica di moldavia) nel Master “protecţia juridică a patrimoniului arheologic”. Dal 2016 è rientrato a tempo pieno ad insegnare laboratorio e cultura enogastronomica presso l’Istituto Alberghiero “Pietro d'Abano di Abano Terme. Dal 2017 diverse collaborazioni pubblicistiche in particolare con il giornale on line ViPiù, oltre ad essere consulente esperto per diversi enti di formazione professionale accreditati nelle regioni Emilia Romagna,Veneto,Lombardia,Lazio e Puglia. Sta completando il proprio curriculum studiorum con ulteriore percorso di formazione umanisticapresso l'Università di Padova ( corso di laurea in Progettazione e gestione del Turismo Culturale),dopo aver partecipato con una borsa di studio Erasmus ad un itinerario di studio internazionale presso l'Università Montaigne di Bordeaux, nell'anno accademico 2020-2021.