Nuovi lampioni a basso consumo per contrastare i rincari delle bollette energetiche a carico del Comune di Zermeghedo. È la strategia adottata dall’Amministrazione comunale per ridurre i costi per le casse comunali.

“Il caro-energia è sotto gli occhi di tutti, dalle famiglie alle imprese, fino all’ente comunale. Abbiamo deciso di investire in termini di risparmio energetico – spiega il sindaco di Zermeghedo Luca Albiero –, attraverso una variazione di bilancio che destina 48.000 euro derivanti da entrate perequative alla nuova fase del progetto da noi iniziato nel 2015/2016, ossia la sostituzione dei vecchi fari dell’illuminazione pubblica con fari a led, capaci di assicurare una notevole riduzione dei consumi. Questa variazione di bilancio, fatta a dicembre per partire con gli interventi entro la fine di marzo e iniziare quindi a risparmiare il più presto possibile, è una prima misura per contenere i costi energetici, che sarà accompagnata da una revisione e regolazione dei tempi di accensione e dallo spegnimento programmato delle illuminazioni superflue. Per i prossimi mesi, le notizie che ci arrivano non sono però per nulla buone. C’è il rischio reale che questo intervento non sia sufficiente. Ecco perché monitoreremo costantemente le bollette: in caso di scostamenti eccessivi interverremo in modo ancora più incisivo sui consumi”.

Sui 310 lampioni presenti in paese, 130 sono già stati sostituiti ed ora toccherà ad altri 90. “Riducendo i consumi – prosegue il sindaco – diamo una mano all’ambiente. I nuovi fari, inoltre, garantiscono una visibilità notturna migliore e quindi una maggiore sicurezza. Restando in tema di sicurezza, abbiamo installato anche due nuovi lampioni in via don Giovanni Barella, come da programma elettorale”.

Comune di Zermeghedo