“False attestazioni del credito bancario in Italia”: sul nostro shop il libro di Giovanni Frescura che vi difende dagli abusi bancari

3777

Pubblicato il 18 gennaio alle 22.20, aggiornato il 19 alle 19.14 con l’intervista video all’autore. È ora disponibile preso il nostro shop (clicca qui) il testo specialistico “False attestazioni del credito bancario in Italia” del dr. Giovanni Battista Frescura*, un consulente esperto nelle normative sulle irregolarità nel calcolo degli interessi sui finanziamenti erogati dalle banche (anatocismo, ultralegali, oneri indebiti, ecc.), autore alcuni anni fa di un corposo manuale sul tema dell’usura nei crediti bancari, molto noto tra coloro che si occupano di controversie con le banche. Oggi vi proponimao la prima di una serie di interviste in cui affronterà con noi i temi del suo utile testo.

 

False attestazioni del credito bancario in ItaliaIl nuovo libro illustra, infatti, ad avvocati, commercialisti e consulenti tecnici come far revocare, tramite la procedura (civile) della querela di falso, decreti ingiuntivi non opposti e sentenze che hanno condannato, ingiustamente, i clienti (soprattutto piccole/ medie imprese) a pagare, con illegali esecuzioni immobiliari e fallimenti, somme non dovute alle banche; può ricorrere a questa procedura anche chi ha azioni espropriative in corso.

Il libro ha uno specifico capitolo dedicato agli NPL (non performing loans ovvero credit i incagliati/ deteriorati) e alla loro cessione, che ha logicamente dei problemi quando riguarda un credito “falso”.
Il dr. Frescura tiene dei corsi in cui insegna agli interessati ad utilizzare la querela di falso, uno strumento (che non ha alcun termine di prescrizione o decadenza) del processo civile per impugnare le errate / false attestazioni dei crediti bancari; si tratta infatti di una procedura poco conosciuta anche dagli stessi avvocati e finora mai utilizzata nel contenzioso bancario, nonostante in sede giudiziaria molto spesso si accerti che i decreti ingiuntivi ottenuti dalle banche, sulla base di una ideologicamente falsa autocertificazione del credito ex art. 50 Tub, non sono validi.
La banca in questa autocertificazione afferma infatti di vantare un credito certo anche quando è stato formalmente contestato oppure è notoriamente viziato dalle irregolarità e/o dall’usura, per non parlare della questione (non normata) della “moneta scritturale” con cui, generalmente, la banca eroga i prestiti.

 

*L’autore

Giovanni Battista Frescura nasce a Marostica (VI) nel luglio del 1953 e risiede a Valdagno (VI)
Ha ottenuto la maturità scientifica al liceo Da Ponte di Bassano del Grappa e si è poi laureato in giurisprudenza all’Università di Padova.
Ha lavorato dapprima in associazioni di categoria e industrie private come consulente legale.
In seguito ha conseguito il master in “Pianificazione territoriale e mercato immobiliare” presso il Corep/Politecnico di Torino.
Ha poi lavorato come consulente immobiliare autonomo ed è iscritto all’Albo dei consulenti tecnici del Tribunale di Vicenza.
Negli anni ’90 ha scritto il libro “Aste immobiliari” pubblicato nel 1997 da Il sole 24 Ore.
Dal 2007 si occupa di consulenze tecniche in controversie bancarie specializzandosi nel tema della contestazione dei crediti delle banche nelle esecuzioni e nei fallimenti, difendendo con successo le ragioni dei clienti. Nel 2010 ha pubblicato un primo testo sull’usura e l’anatocismo nelle operazioni di credito, seguito poi nel 2013 dall’opera, molto nota tra gli esperti del contenzioso bancario, “L’usura nei prestiti di banche e finanziarie”. Numerosi suoi scritti sul tema dell’usura bancaria sono facilmente reperibili su internet.