Al cospetto della Basilica Palladiana è stato inaugurato a Vicenza il 19° punto vendita in Italia della storica azienda olearia Fratelli Carli, fondata nel 1911 a Oneglia in Liguria, da Giovanni Carli. Un marchio storico che da oltre un secolo rappresenta una delle miriadi insegne di eccellenza dell’agroalimentare made in Italy .

Nel centro storico del capoluogo berico, l’Emporio Carli  presenta  al pubblico un vero e proprio itinerario del buon gusto .

Uno “spazio didattico” per riconoscere la qualità dell’extravergine d’oliva

Sugli scaffali di una speciale “bottega didattica” si possono valutare caratteristiche, qualità ed approfondimenti dei prodotti offerti.

Dagli Oli liguri derivati dalla Taggiasca e la Dop Riviera, fino ai Blend 100% italiano risultato di cultivar come il Bianco Lilla (oliva siciliana, dolce, profumata ed  amabile), la Coratina pugliese e la mono cultivar Taggiasca ligure. Per concludere con “l’oro liquido”, come  definiva Omero l’olio d’oliva proveniente da olive greche (in una zona del Peloponneso vicino a Sparta) e dalla Penisola iberica .

In questo angolo del gourmet, le celebrità olivicole saranno affiancate da molti prodotti e  conserve alimentari della tradizione gastronomica mediterranea come tonno, verdure sott’olio, olive, pesto e sughi pronti, salse, pasta, un’intera gamma Bio, vini, aceti e dolci.

Dieta mediterranea e produzione Sostenibile, parole chiave e valori dell’evoluzione  produttiva dell’azienda della Riviera di Ponente

Tradizione gastronomica e Dieta mediterranea  assi portanti dell’azienda ponentina, che proprio nell’alimentazione riconosciuta Patrimonio Immateriale Culturale Unesco, ha costruito la centralità del suo prodotto storico, l’olio Evo .

Secondo Claudia Carli, brand marketing manager della Fratelli Carli «l’apertura a Vicenza del secondo Emporio in Veneto, conferma una fase di  caratterizzazione aziendale nella logica di prodotto sostenibile a 360 gradi. Dal 2014 siamo  la prima impresa italiana a diventare una B Corp. Una scelta di attenzione sotto tutti i punti di vista proiettata in una logica produttiva sostenibile a tutto tondo.

Un percorso di sostenibilità, su cui vigila un comitato aziendale ad hoc – aggiunge l’imprenditrice –  che tocca l’intera filiera produttiva, coinvolge fornitori, partner e dipendenti. Sulla sostenibilità si fondano i valori e le possibilità di costruire un futuro migliore per le persone e il paese».

Articolo precedenteE se la Russia appoggiasse la liberazione del Kurdistan contro la Turchia e la NATO?
Articolo successivoLa Vicenza del passato, da “città-stato” a “città-satellite”: dopo Ezzelino torna il Comune per poco. Bartolomeo da Breganze il vescovo-signore
Marco Spiandorello , padre di cinque figli,vive e risiede a Padova. Ha compiuto inizialmente gli studi professionali turistico alberghieri, completati con un percorso economico –giuridico all'Università di Perugia . Dopo giovanili esperienze lavorative nel settore turistico alberghiero in Italia e all’estero, in particolare in Svizzera, e l'assolvimento del servizio militare , ha iniziato l’attività imprenditoriale, giovanissimo, rilevando l’azienda di famiglia, un Centro di Formazione professionale di Padova. Contemporaneamente ha alternato esperienze lavorative , sempre in Italia e all’estero ,con l’insegnamento nella scuola pubblica e l’attività di cooperazione in particolare nel Paesi dell'Est Europa e dell'Africa Centrale . Nel 1994, dopo la partecipazione al concorso nazionale,viene immesso in ruolo dal Ministero della Pubblica Istruzione, in qualità di docente di scuola superiore per le discipline di marketing e laboratorio turistico alberghiero. L’insegnamento e l’esercizio della libera professione, oltre all’attività di impresa gli permettono di lavorare in diversi settori (istruzione e formazione professionale,industria turistica,pubblicaamministrazione,pmi,università’,agroalimentare,sicurezza,lavoro,termalismo,agroambiente,comunicazione pubblica,sociale, immigrazione e cooperazione),in quasi tutte le regioni italiane,e in diversi paesi esteri(Slovacchia,Spagna,Romania,Moldavia,Albania,Bielorussia,Ucraina,e Senegal). Solo negli anni 2000 si approccia a tematiche completamente diverse dall’origine del suo itinerario personale,organizzando azioni, e progettando studi, dedicati a due ambiti cruciali della vita del nostro Paese:l’Immigrazione e la Sicurezza pubblica insieme allo Sviluppo economico del territorio. Le sue esperienze professionali hanno registrato numerose attività, in qualità di organizzatore di eventi,missioni istituzionali e di cooperazione, oltre a diverse attività redazionali e giornalistiche a mezzo stampa e radiotelevisive. E' stato consulente degli Enti strumentali della Regione Veneto e Regione (Lazio Lavoro e Veneto Lavoro) negli anni 2003-2005 relativamente a progetti di formazione lavoro e gestione dei flussi migratori provenienti dalla Moldavia,Romania e Albania. Dal 2008 al 2015 è stato amministratore di diverse società di progettazione e gestione di attività di cooperazione nei settori turistico,culturale,economico e del lavoro in Ucraina,Albania,Moldavia e Romania. Dal 2013 al 2015 ha svolto l'incarico di direttore del CIMECT (Centro Internazionale della Moldavia per lo sviluppo della cultura turistica) presso l'Università di Stato Ion Creanga di Chisinau. Ha maturato numerose esperienze tecnico -politiche “dietro le quinte” collaborando come consulente esperto di consiglieri e amministratori locali e parlamentari nazionali ed europei dal 1990 al 2010 . Dal 2011 al 2015 e’ stato coordinatore della più’ grande struttura formativa nazionale Istituti Formazione Lavoro, accreditata nel settore del benessere , con più di 1000 allievi dislocati in quattro province del Veneto, allargando la sua esperienza nel settore della formazione professionale riconosciuta e finanziata avviata nel 1992. Quest’ultima esperienza gli ha permesso di erogare attività di servizio pubblico per la Pubblica amministrazione (Regione Veneto formazione ) con la conseguente acquisizione di conoscenze e competenze nei sistemi di processo della progettazione,controllo e rendicontazione delle risorse pubbliche nazionali ed europee . Dal 2012 al 2014 è stato professore incaricato dell'Università di Stato “I. Creanga” a chisinau (repubblica di moldavia) nel Master “protecţia juridică a patrimoniului arheologic”. Dal 2016 è rientrato a tempo pieno ad insegnare laboratorio e cultura enogastronomica presso l’Istituto Alberghiero “Pietro d'Abano di Abano Terme. Dal 2017 diverse collaborazioni pubblicistiche in particolare con il giornale on line ViPiù, oltre ad essere consulente esperto per diversi enti di formazione professionale accreditati nelle regioni Emilia Romagna,Veneto,Lombardia,Lazio e Puglia. Sta completando il proprio curriculum studiorum con ulteriore percorso di formazione umanisticapresso l'Università di Padova ( corso di laurea in Progettazione e gestione del Turismo Culturale),dopo aver partecipato con una borsa di studio Erasmus ad un itinerario di studio internazionale presso l'Università Montaigne di Bordeaux, nell'anno accademico 2020-2021.