“A voi è toccato e potrebbe toccarvi di nuovo Donald Trump, noi dobbiamo sperare nella “moderazione” di Giorgia Meloni, che, almeno, ha una preparazione politica ed è atlantista, ma che ha a fianco due putiniani come Berlusconi, il mini Trump italiano, e Salvini, la tragica barzelletta del Bel Paese…, razzista per molti e impresentabile ora forse anche per il suo partito“.
Questa è l’osservazione provocatoria da noi fatta al prof. Domenico Maceri, che per noi dagli Usa cura una rubrica su quel Paese.
La reazione del PhD e professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California non si è fatta attendere.
“Giorgia Meloni è meno pericolosa di Trump. Ha ricevuto il 26% dei voti e in un sistema parlamentare dovrà fare alleanze con Salvini (difficile) e Berlusconi (non facile). Ambedue hanno la loro agenda e cominceranno a litigare in poco tempo. Quanto durerà un governo Meloni? Tre mesi? Sei? Trump è più pericoloso perché il 30-40% dei suoi elettori lo vedono come  un messaggero mandato da Dio in terra. Quindi meglio la situazione italiana”.
Articolo precedenteInformazione e intrattenimento di Stato. Verso la nuova Rai della nuova maggioranza
Articolo successivoLR Vicenza riparte da Novara con il debutto di Ronaldo. Poggi: è una partita-cardine
Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950), dopo aver affiancato al lavoro di marketing e comunicazione da imprenditore nel mondo dell'informatica e dopo essere stato anche responsabile editoriale dell'inserto mensile di Pc Week e free lance del mensile Espansione di Mondador dal 1993 al 1994, è il fondatore e direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su u Vicenza/Veneto/Italia/Borghi d'Italia/Europa/Mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista da gennaio 2020, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”. "Babca Popolare di Vicenza. La cronaca del processo"