Gonzalez: “Questa è casa mia, oggi ho realizzato il mio primo sogno”

- Pubblicità -

Un’intensa storia sul profondo senso della vita e sul coraggio di ricominciare. Questo è “Vivo”, il libro autobiografico di Julio Gonzalez Ferreiraex calciatore paraguaiano del LR Vicenza e promessa del calcio, colpito da un terribile incidente che cambiò la sua esistenza.

La storia di Gonzalez è raccontata nell’opera scritta dal calciatore in collaborazione con il giornalista toscano Filippo Tecce ed edita da Berica Editrice, il cui ricavato verrà devoluto alla OTB Foundation, impegnata in iniziative sociali e di sviluppo sostenibile.

Il progetto voluto dal Comune di Vicenza e da LR Vicenza, con la partecipazione di Hassel comunicazione, è stato presentato oggi a Palazzo Trissino dall’autore Julio Gonzalez, dal sindaco Francesco Rucco e dal vicesindaco con delega allo sport Matteo Celebron.

Erano presenti anche Paolo Bedin direttore generale del LR Vicenza, Arianna Alessi vicepresidente Fondazione Otb, il giornalista Filippo Tecci, Andrew T. Arduini e Stefano Cotrozzi per Berica Editrice.

E’ un onore accogliere a Vicenza Julio Gonzalez – ha affermato il sindaco Francesco Rucco – in occasione di questo progetto, sostenuto da Comune e Lanerossi Vicenza, che tramite la Fondazione Otb aiuterà le persone in difficoltà. Quella di Julio è una storia personale che nel 2005, l’anno in cui ebbe l’incidente, ha toccato tutti noi, come vicentini e sportiviSiamo quindi molto contenti di poter diffondere la sua esperienza, che verrà presentata sabato allo stadio Menti, lunedì al teatro Astra e in questi giorni nel corso di altri eventi in città e provincia”.

La parola è passata al dg biancorosso, Paolo Bedin: “La felicità e l’emozione di rivedere Julio, c’ero anche nel 2005 in quei giorni drammatici. E’ una soddisfazione per la nostra società poter appoggiare questa iniziativa importante che è anche benefica”.

Arianna Alessi, vicepresidente di OTB Foundation ha ringraziato Julio: “La sua è una storia di braveness, noi ci chiamiamo Only The Brave e proprio solo i coraggiosi ce la fanno. Lui è un classico esempio di motivazione, da un momento drammatico vissuto, ha fatto nascere una cosa meravigliosa, con la forza e il coraggio di rialzarsi. Lo ringrazio per aver pensato a noi, in quanto tutto il ricavato del libro andrà alla Fondazione. Siamo impegnati su molti progetti in tutto il mondo, più di 250, siamo focalizzati su 3 temi: i bambini e i progetti di supporto agli adolescenti, nei confronti delle dipendenze e contro il bullismo e a sostegno delle donne, con anche un centro di antiviolenza con il progetto Mai Più, attraverso il quale vi è un supporto psicologico e legale, oltre a un supporto per creare autostima e indipendenza economica con progetti formativi e dare loro una seconda opportunità. Siamo inoltre impegnati nei progetti di emergenza, come con il Covid, la ricostruzione di una scuola di Amatrice con la Fondazione Bocelli, al Ponte di Rialto a Venezia inaugurato poche settimane fa. Siamo inoltre presenti in Afghanistan con alcune organizzazioni locali con progetti a favore dei bambini e delle donne, come ad esempio Pink Shuttle, la prima impresa al femminile con degli shuttle guidati dalle donne per le donne, poi diventate in questi ultimi mesi mezzi di soccorso a causa dell’emergenza. Abbiamo inoltre collaborato con altre organizzazioni in queste settimane per riportare in Italia molte donne finite in una sorta di black list e stiamo dunque aiutando oltre 300 persone con beni di prima necessità e inserendole nel mondo del lavoro”.

Infine l’intervento di un commosso Julio Gonzalez: “Sono arrivato a Vicenza nel 2001 e dopo vent’anni sono di nuovo qui grazie a LR Vicenza e al Comune di Vicenza. Questa è casa mia, la famiglia non è il luogo dove uno nasce ma dove si trova bene e io qui a Vicenza mi trovo veramente bene. So il sacrificio fatto dalla società e dal Comune per questo progetto e per portarmi qui e li voglio ringraziare. Avevo due sogni: uno era quello di scrivere questo libro, facendo arrivare la mia storia a tante persone. Come diceva Arianna prima, solo i coraggiosi fanno tante cose belle e così è stato per LR Vicenza, per il Comune di Vicenza e per Berica Editrice, che hanno avuto il coraggio di sposare questo progetto e questo sogno. Come coraggioso è stato Filippo Tecci che è partito dall’Italia per arrivare in Paraguay per conoscermi, ci siamo chiusi 7 giorni in hotel, nei quali gli ho raccontato tutta la mia storia ed è nato questo libro. Abbiamo scelto il titolo “Vivo” perché mi rappresenta. Sempre Arianna prima parlava di avere una seconda opportunità, io l’ho avuta dopo l’incidente, sono ancora vivo e ho avuto l’opportunità di raccontare la mia storia e dico sempre che sono un uomo di fede e Dio ha messo le persone giuste sulla strada della mia vita per arrivare a oggi a realizzare il mio primo sogno che sta diventando realtà oggi, alla presentazione del mio libro, del nostro libro. Questo libro non è solo mio e di Filippo ma è del Lanerossi Vicenza, del Comune di Vicenza, questo libro appartiene a tutti voi, perché ognuno di voi fa parte di questo libro. Per l’affetto e l’amore con il quale mi avete accompagnato sempre lungo la strada della mia vita. Sono veramente emozionato. L’altro sogno sarebbe tornare in Italia e vivere qui a Vicenza, ma c’è tempo per realizzarlo”.

Julio Gonzalez presenterà ufficialmente l’opera al teatro Astra di Vicenza lunedì 18 ottobre, alle 20.30, nel corso di una serata condotta dalla giornalista Luisa Nicoli e aperta a tutti i tifosi. A fianco di Gonzalez ci saranno tanti ex compagni di squadra, giocatori dell’attuale LR Vicenza e amici che lo hanno accompagnato nel momento più difficile.

Per partecipare è richiesta la prenotazione del biglietto gratuito, disponibile nel sito di Eventbrite (https://www.eventbrite.it/e/biglietti-presentazione-libro-vivo-di-julio-gonzalez-berica-editrice-190400140947?aff=ebdssbeac).

Inoltre, sabato 16 ottobre, prima della partita Vicenza – Reggina prevista alle 14, l’ex giocatore sarà presente allo stadio R. Menti per un saluto ai tifosi.

Il libro (256 pagine) è stato pubblicato da Berica Editrice, con la collaborazione di Paola Salvadori per l’editing, di Osvaldo Casanova per la copertina e di Alice Molon per l’impaginazione e sarà disponibile sabato allo stadio, nei diversi settori e lunedì alla serata di presentazione.

La storia

Julio Valentin Gonzalez è un ex calciatore paraguaiano del L.R. Vicenza, medaglia d’argento alle olimpiadi di Atene 2004 con la sua nazionale.

Nel 2001 è stato acquistato dalla società vicentina e nel 2005 è diventato titolare della prima squadra, allora guidata da Giancarlo Camolese, distinguendosi come il miglior marcatore biancorosso.

Il 22 dicembre 2005, in seguito ad un incidente automobilistico in cui viene coinvolto insieme al compagno Gerardo Ruben Grighini, viene ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Padova. Il 17 gennaio 2006, a causa di complicazioni, i medici sono costretti ad amputargli il braccio sinistro.

A marzo del 2007 è tornato ad allenarsi col L.R. Vicenza e il suo rientro era previsto per giugno. Julio Gonzalez però non ha ottenuto l’idoneità all’attività sportiva agonistica.

A luglio ha fatto quindi ritorno nel campionato del Paraguay nelle file del Tacuary e il 16 novembre 2007 è tornato a calcare i campi da gioco per un breve periodo.

Dal 2009 dirige il progetto Inter Campus nel suo paese, dove attualmente vive con la famiglia.

—–
Fonte originale: Gonzalez: “Questa è casa mia, oggi ho realizzato il mio primo sogno”

-Pubblicità-
Fondato nel 2006, come VicenzaPiù, dal 2020 ViPiù, quotidiano web di approfondimenti su informazioni e di libere opinioni su Veneto (focus Vicenza), Nord est, Roma (Lazio), Latina con focus su Riviera di Ulisse e Monti aurunci, Italia e con uno sguardo su Europa e mondo