I gruppi di minoranza del Consiglio comunale hanno presentato in conferenza stampa una iniziativa di comunicazione comune che, di fatto, apre la campagna elettorale del Centrosinistra. “Rucco: cinque anni di fallimenti” è il titolo della campagna multimediale che i capigruppo Sandro Pupillo (Da Adesso in Poi), Isabella Sala (Partito Democratico), Leonardo Nicolai (Coalizione Civica), Ennio Tosetto (Vinova) e Cristiano Spiller (Per una Grande Vicenza) hanno illustrato in dettaglio: poster stradali 6×3, manifesti 140×200, 40.000 copie di una brochure distribuita postalmente e comunicazione sui social, che compariranno in città in settimana. Il tutto, incluse uscite su alcuni media, autofinanziato dai gruppi consiliari e creato graficamente dal consigliere Nicolai, che di professione fa il grafico. Si tratta di una iniziativa inedita per il Centrosinistra e di grande impatto perchè vistosa e diffusa grazie ai mezzi scelti.

“Per noi il fallimento più grande di questa amministrazione – ha esordito Pupillo – è l’immobilismo, perchè in cinque anni non è riuscita a mostrare un cambiamento tanto da intitolare l’evento di lancio della campagna elettorale del Centrodestra ‘Pensa!’, dimostrando che loro stessi  si sono accorti di non aver fatto nulla.” “Lo spunto ci è venuto – ha proseguito il capogruppo di Da Adesso in Poi – dall’house organ del Comune, in cui sono magnificate le cose che fanno. Questa, però, è solo propaganda. Abbiamo quindi fatto un resoconto in una brochure, rifacendoci a quella di Rucco del 2018 in cui presentava nove promesse elettorali. Le abbiamo riprese punto per punto opponendo quelli che per noi sono altrettanti fallimenti, documentati da ritagli di quotidiani e immagini di televisioni.”

Isabella Sala del Partito Democratico ha spiegato che “Rucco: cinque anni di fallimenti” è “il nostro controcanto alla narrazione fatta dall’amministrazione grazie ai mezzi importanti (ufficio stampa, house organ, sito) che ha a disposizione. Sono venuti una sola volta e su nostra richiesta a presentare al Consiglio il bilancio delle linee programmatiche, come sarebbe obbligo statutario e regolamentare, e così abbiamo pensato di far parlare le evidenze di questi anni richiamando i punti di Rucco che poi sono diventati le linee programmatiche della Giunta evidenziando che quei nove punti sono stati molto disattesi, a cominciare dalla Sicurezza.”

Dodo Nicolai ha sottolineato che la campagna è un messaggio ai vicentini che si può sintetizzare nello slogan “è l’ora di chiudere con l’era di Rucco”. “Ma il nostro messaggio – ha aggiunto – vuole essere anche positivo perchè abbiamo inserito nelle pagine finali della brochure le proposte che abbiamo in questi anni portato.”

Ennio Tosetto, capogruppo di Vinova, ha dichiarato che “c’è bisogno di aria nuova. Si è fatta solo manutenzione ordinaria. Ricordo che l’acquisto di Palazzo Thiene lo abbiamo proposto anche noi, forse prima di Rucco. Dopo l’acquisto, sulla gestione è calato il silenzio. Noi abbiamo lanciato la proposta che diventasse il centro operativo di gestione di tutti i siti culturali della città, abbiamo fatto una riunione con tutti gli enti interessati e poi non c’è stato altro. E così è stato per molte altre cose come la Sicurezza, in cui la situazione è identica a quella del 2018. Questa è la storia dell’amministrazione Rucco, di basso profilo e dall’andamento lento.”

Articolo precedenteLorenzo Bosetti, ex sindaco di Valdagno morto a 83 anni
Articolo successivoNicola Piccolo eletto nuovo presidente di Confcommercio Vicenza: il benvenuto del sindaco Francesco Rucco
Gianni Poggi risiede e lavora come avvocato a Vicenza. È iscritto all’Ordine dei giornalisti come pubblicista. Le sue principali esperienze giornalistiche sono nel settore radiotelevisivo. È stato il primo redattore della emittente televisiva vicentina TVA Vicenza, con cui ha lavorato per news e speciali ideando e producendo programmi sportivi come le telecronache delle partite nei campionati del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi, i dopo partita ed il talk show «Assist». Come produttore di programmi e giornalista sportivo ha collaborato con televisioni locali (Tva Vicenza, TeleAltoVeneto), radio nazionali (Radio Capital) e locali (Radio Star, Radio Vicenza International, Rca). Ha scritto di sport e di politica per media nazionali e locali ed ha gestito l’ufficio stampa di manifestazioni ed eventi anche internazionali. È stato autore, produttore e conduttore di «Uno contro uno» talk show con i grandi vicentini della cultura, dell’industria, dello spettacolo, delle professioni e dello sport trasmesso da TVA Vicenza. Ha collaborato con la testata on line Vvox per cui curava la rubrica settimanale di sport «Zero tituli». Nel 2014 ha pubblicato «Dante e Renzo» (Cierre Editore), dvd contenente le video interviste esclusive a Dante Caneva e Renzo Ghiotto, due “piccoli maestri” del libro omonimo di Luigi Meneghello. Nel 2017 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza il documentario «Vicenza una favola Real» che racconta la storia del Lanerossi Vicenza di Paolo Rossi e G.B. Fabbri, distribuito in 30.000 copie con il quotidiano. Nel 2018 ha pubblicato il libro «Da Nobile Provinciale a Nobile Decaduta» (Ronzani Editore) sul fallimento del Vicenza Calcio e «No Dal Molin – La sfida americana» (Ronzani Editore), libro e documentario sulla storia del Movimento No Dal Molin. Nel 2019 ha pubblicato per Athesis/Il Giornale di Vicenza e Videomedia il documentario «Magico Vicenza, Re di Coppe» sul Vicenza di Pieraldo Dalle Carbonare e Francesco Guidolin che ha vinto nel 1997 la Coppa Italia. Dal 9 settembre è la "firma" della rubrica BiancoRosso per il network ViPiù, di cui cura anche rubriche di cultura e storia.