È stato inaugurato oggi nel corso dell’evento “I murales dell’inclusione” tenutosi presso la sede di Gruppo Mastrotto in via Quarta Strada 7 ad Arzignano, il lavoro artistico realizzato dagli ospiti del Centro riabilitativo psico-sociale Arcobaleno in collaborazione con l’Associazione Italiana Tutela Salute Mentale (Aitsam) di Montecchio Maggiore e coordinato dalla pittrice Francesca Dafne Vignaga.

All’evento hanno preso parte il Sindaco di Arzignano, Alessia Bevilacqua; l’Assessore ai Servizi Sociali, Valeria Dal Lago; il Direttore Distretto Socio Sanitario Arzignano Aulss 8 Berica, Mariuccia Lorenzi; il Presidente dell’Associazione Italiana Tutela della Salute Mentale – Sezione Montecchio Maggiore, Ottaviano Faggiana; il Direttore f.f. Psichiatria 2 Dipartimento Salute Mentale Aulss 8 Berica, Davide Maggiolo e il Direttore del Centro Arcobaleno, Stefano Zanolini. Per l’azienda hanno partecipato Chiara Mastrotto, presidente e Giovanna Mastrotto, Amministratore.

Un cuore multicolore, simbolo universale di pace, posizionato nella sala mensa, tradizionale punto di incontro e scambio fra i dipendenti, che raffigura una serie di spezie ed ortaggi originari di diversi luoghi del mondo a testimoniare non solo la multiculturalità di provenienza dei dipendenti del Gruppo, ma anche la sua presenza globale: questa, in estrema sintesi, la descrizione dell’opera principale, alla quale si affiancano, a completamento dell’intervento, una tazzina da cui spuntano fiori e frutti di bosco, posizionata nell’area caffè e alcune decorazioni floreali sulle colonne interne alla sala.

Con questa iniziativa Gruppo Mastrotto intende porre ulteriormente l’accento sull’importanza del valore dell’inclusione e della responsabilità sociale d’impresa come asset imprescindibile del proprio percorso di crescita, già ampiamente esplicitato attraverso numerose iniziative convogliate in quello che è stato ribattezzato Sustainability Journey, il viaggio verso una sempre maggiore sostenibilità non solo economica e ambientale, ma anche, come in questo caso, sociale. All’interno di questo percorso si inserisce anche il recente conseguimento del premio DNA – Difference in Addition assegnato a Gruppo Mastrotto per il progetto di inclusione avviato nel 2018 con l’obiettivo di promuovere un reale processo di integrazione sia lavorativa che sociale.

“L’esigenza iniziale era di rendere più accoglienti gli spazi del nostro lavoro. Coinvolgendo gli ospiti del centro Arcobaleno abbiamo non solo realizzato un vero e proprio laboratorio creativo ed inclusivo – ha commentato Chiara Mastrotto –, ma soprattutto abbiamo dato vita attraverso il linguaggio dell’arte a quei valori di inclusione, di confronto e di valorizzazione della diversity, che sono alla base della nostra filosofia aziendale e del nostro Sustainability Journey”.

Il sindaco Alessia Bevilacqua e l’assessore al sociale Valeria Dal Lago hanno affermato: “Il Centro Arcobaleno si riconferma essere uno dei servizi territoriali più organizzati, non solo nella presa in carico della persona, ma anche per il reinserimento sociale, l’inclusione e l’autonomia della persona. Un grazie al Gruppo Mastrotto, una realtà aziendale importante nel tessuto industriale del nostro territorio, dove l’attenzione al sociale e l’inclusione lavorativa sono realtà quotidiane. Questo progetto Murales è un modello che mette al centro non solo la persona ma soprattutto il benessere di un’intera comunità”.

“Questo momento – ha dichiarato Mariuccia Lorenzi, Direttore Distretto Socio Sanitario Arzignano Aulss 8 Berica – rappresenta il risultato di impegno e una collaborazione che dura da molti anni. Abbiamo imparato che la vera integrazione tra il mondo “socio sanitario” e la comunità locale si attua attraverso la continuità dell’impegno dedicato”.

Ottaviano Faggiana, Presidente dell’Associazione Italiana Tutela della Salute Mentale – Sezione Montecchio Maggiore, ha affermato: “Si ringrazia Gruppo Mastrotto per la condivisione e la collaborazione nella realizzazione di questo progetto. Un momento dove sono emerse osservazioni positive sul lavorare insieme e sui significati racchiusi nei murales realizzati. Come Presidente dell’associazione AITSaM Sezione di Montecchio Maggiore mi auguro possano esserci altre occasioni di queste collaborazioni”.