“Rincari energetici, gas alle stelle, mais e grano ai massimi. La Guerra in Ucraina (qui le reazioni sul conflitto Russia-Ucraina mano a mano che ci arrivano, in copertina una mappa dello scenario da Il Messaggero, ndr) è anche questo: le bombe sull’Ucraina uccidono innocenti e mettono in ginocchio le nostre aziende dell’agricoltura, già piegate dall’inflazione. Oggi, in piazza a fianco delle imprese agricole, domani in Consiglio con una risoluzione per chiedere al Governo uno stanziamento concreto”. Intervengono così i due Consiglieri regionali dell’Intergruppo Lega – Liga Veneta Gabriele Michieletto e Roberta Vianello sulla Guerra in Ucraina, oggi in Piazza a Mestre, a fianco delle imprese dell’agricoltura per protestare contro il caro energia. La situazione sul fronte orientale è terrificante e molto preoccupante. Speriamo che la Russia fermi subito l’invasione, perché i danni di questa aggressione si stanno rivelando pesantissimi: oltre ai morti innocenti, il rincaro di grano e gas rischia di mettere in ginocchio imprese e l’intero settore primario”.

“Oggi – concludono Michieletto e Vianello – siamo venuti in piazza per dare il nostro sostegno a un grido d’allarme che non può rimanere inascoltato. Ma domani presenteremo questa risoluzione perché le imprese venete, quelle agricole in primis, hanno bisogno di aiuto”.