I disastri climatici hanno ucciso 2 milioni di persone negli ultimi 50 anni, dice l’ONU, con anche impatto negativo economico di 3,1 trilioni di €

Disastro climatico (Crédits - Mike Hutchings)
Disastro climatico (Crédits - Mike Hutchings)
- Pubblicità -

(Tradotto da La tribune di Emma Farge). GINEVRA (Reuters) – Il numero di disastri naturali, come inondazioni e ondate di calore, causati dal cambiamento climatico è aumentato di cinque volte negli ultimi 50 anni, uccidendo più di due milioni di persone e causando un impatto economico negativo di 3,64 trilioni di dollari (3,1 trilioni di euro), ha detto mercoledì 1° settembre un’agenzia delle Nazioni Unite.

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) dice che il suo studio “Atlas” è il più completo mai condotto sulle morti e le perdite economiche dovute a eventi meteorologici, climatici e idrici estremi.

Elenca circa 11.000 disastri tra il 1970 e il 2019, compresi i grandi disastri come la siccità etiope del 1983, che è stato l’evento più letale con 300.000 morti, e l’uragano Katrina nel 2005, che è stato il più costoso, con perdite economiche di 163,61 miliardi di dollari (139 miliardi di euro).

Il rapporto mostra una tendenza all’aumento, con il numero di disastri che è quasi quintuplicato tra il 1970 e il 2019, confermando che gli eventi meteorologici estremi stanno diventando più frequenti a causa del riscaldamento globale.

Il WMO attribuisce questa crescita al cambiamento climatico, ma anche al miglioramento degli studi sui disastri.

Anche i costi associati a questi eventi sono aumentati da 175,4 miliardi di dollari (149 miliardi di euro) negli anni ’70 a 1,38 trilioni di dollari (1,170 miliardi di euro) nel 2010, quando uragani come Harvey, Maria e Irma hanno devastato gli USA.

“Le perdite economiche stanno aumentando con l’aumentare dell’esposizione [ai rischi climatici]”, ha detto il segretario generale del WMO Petteri Taalas.

Ma mentre questi disastri sono diventati più costosi e più frequenti, il numero annuale di morti è sceso da più di 50.000 negli anni ’70 a circa 18.000 nel 2010, indicando che una migliore pianificazione sta pagando.

“Il miglioramento dei sistemi di allarme rapido multirischio ha ridotto significativamente la mortalità”, ha aggiunto Petteri Taalas.

Il WMO spera che il rapporto, che fornisce una ripartizione regionale dettagliata, permetterà agli stati di migliorare le politiche per proteggere meglio le loro popolazioni.

Più del 91% dei due milioni di morti si sono verificati nei paesi in via di sviluppo, secondo il rapporto, che sottolinea che solo la metà dei 193 membri del WMO hanno sistemi di allerta rapida multirischio.

Il rapporto aggiunge che “gravi lacune” nelle osservazioni meteorologiche, in particolare in Africa, ostacolano la precisione dei sistemi di allarme rapido.

-Pubblicità-