La criminalizzazione sistematica dell’immigrazione da parte delle autorità italiane: il punto di The Vision

Immigrazione
Immigrazione

(Fonte The vision) Nell’ultimo decennio l’Italia ha portato avanti una campagna sistematica di criminalizzazione dell’immigrazione e dei richiedenti asilo, riempiendo le carceri di persone innocenti usate come capro espiatorio di un sistema criminale (altri articoli tratti da The Vision, ndr). La denuncia è contenuta in un report pubblicato di recente dalle tre associazioni Alarm Phone, Borderline Sicilia e Arci Porco Rosso.

“Abbiamo esaminato oltre mille processi e raccolto la testimonianza delle centinaia di persone coinvolte. Abbiamo parlato con gli imputati accusati di essere scafisti, gli avvocati, i giudici, gli agenti di polizia e della Guardia costiera per portare in luce un sistema diffuso in Italia per criminalizzare i migranti”, scrivono i relatori del documento sull’immigrazione.

Secondo i dati da loro raccolti, le autorità italiane dal 2013 avrebbero arrestato più di 2500 migranti con l’accusa di traffico di esseri umani o favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In gran parte dei casi si tratta di migranti costretti con minacce di morte o dalla mancanza di denaro per pagare i veri trafficanti a prendere il controllo delle imbarcazioni una volta entrate nelle acque territoriali italiane. Le tre organizzazioni denunciano che in molti processi i testimoni sono stati persuasi dagli inquirenti a testimoniare contro i presunti scafisti con la promessa di ricevere permessi di soggiorno o altri trattamenti di favore per sveltire le pratiche burocratiche a loro carico.

Se in diverse occasioni i giudici riconoscono lo stato di necessità per cui hanno agito gli imputati, quelli condannati rischiano pene detentive che possono arrivare anche a 15 anni di carcere. I processi in corso sono centinaia, e dal 2013 24 persone sono state condannate con pene superiori ai dieci anni; altre sei all’ergastolo. “Questo accade quando uno o più migranti muoiono durante il viaggio. In quel caso chi conduce l’imbarcazione è accusato di omicidio. Così la giustizia si trasforma in una macchina che rischia di distruggere la vita di queste persone per sempre”, ha detto Maria Giulia Fava dell’Arci Porco Rosso.


 

Sei arrivato fin qui?

Se sei qui è chiaro che apprezzi il nostro giornalismo, che, però, richiede tempo e denaro.  I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per la stampa indipendente ma puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per darti moltissime notizie gratis e solo alcune a pagamento. Se vuoi continuare a leggere in futuro i nostri articoli e ad accedere per un anno a tutti i contenuti PREMIUM, al nostro archivio web e cartaceo e a molte iniziative in esclusiva per te puoi farlo al prezzo di un caffè, una birra o una pizza al mese.

Clicca qui e diventa Partner, Amico, Sostenitore o Sponsor

Grazie, il direttore

Opzioni aggiornate ViPiù Freedom Club