Isee e bonus, Il Sole 24 Ore: “Boom di rinnovi all’inizio dell’anno per blindare gli aiuti”. Occhio alle scadenze

269
Isee

È corsa in queste ore al disbrigo dei documenti necessari per il rinnovo dell’Isee, necessario per accedere a molti bonus sociali e aiuti. Se ne occupa questa mattina, nella sua edizione in edicola, Il Sole 24 Ore. Secondo i dati in possesso al quotidiano economico, in sette giorni sono state inviate oltre 190mila dichiarazioni sostitutive uniche (Dsu).

La frenesia, ovviamente, è dovuta al fatto che attraverso questo strumento sarà possibile accedere, anche nel 2024, a tutta una serie di aiuti: dalle bollette ai figli.

“L’accelerazione da parte delle famiglie – si legge – è alimentata dal pacchetto, sempre più vario, di prestazioni sociali il cui accesso è vincolato a certe soglie Isee oppure il cui ammontare è modulato in base all’indicatore”. 

Ma – sostiene ancora il giornale – occhio alle scadenze: “A scandire la corsa al rinnovo dell’Isee è l’intreccio di scadenze legate alle diverse prestazioni sociali, termini per cui risulta vincolante l’aggiornamento dell’indicatore in tempi stretti.

In prima istanza quest’anno l’urgenza è dettata dal debutto dell’assegno di inclusione che ha preso il posto del reddito di cittadinanza, insieme al Supporto per la formazione e il lavoro per i soli profili “occupabili”, partito a luglio scorso. Per poter garantire il passaggio, senza interruzioni, dal precedente strumento di contrasto alla povertà al nuovo, ad una platea di 750mila famiglie potenzialmente beneficiarie, l’Inps ha introdotto una deroga ma con scadenza: l’istituto ha chiarito che la verifica dei requisiti ai fini della erogazione nei mesi di gennaio e febbraio 2024, laddove ricorrano anche tutte le altre condizioni reddituali e patrimoniali, è realizzata sulla base dell’Isee vigente al 31 dicembre 2023, ma per l’erogazione del beneficio nei mesi successivi è necessario avere un Isee in corso di validità, quindi un Isee 2024: in pratica nel mese di marzo, se ancora non è stato rinnovato l’indicatore, la prestazione verrà sospesa“.

Anche per l’assegno unico universale è necessario rinnovare l’Isee entro fine febbraio. Non serve presentare una nuova domanda per continuare a fruirne anche nel 2024, ma va aggiornato l’Isee per continuare a riceverlo in base alla propria condizione economica: la scadenza è fissata al 29 febbraio 2024. In caso di mancato aggiornamento dell’Isee, l’Inps erogherà l’importo minimo e in seguito solo chi aggiornerà l’indicatore entro fine giugno potrà ottenere i conguagli della misura a partire da marzo.

Il Sole 24 Ore, ragguaglia anche in merito agli altri bonus: “A queste prestazioni si affianca il bonus sociale gas e luce che nel 2022 ha raggiunto 6,2 milioni di utenze private in condizioni di disagio economico: dal 1° gennaio per continuare a percepire l’aiuto, che arriva automaticamente come uno sconto in bolletta, è necessario aggiornare l’Isee rapidamente, senza rischiare di compromettere lo sconto per alcune mensilità, proprio nel mezzo della stagione invernale che fa lievitare i consumi energetici.

Infine, il bonus nido, potenziato dal secondo figlio in poi per il 2024, la carta Dedicata a te per l’acquisto di beni essenziali e carburante, il bonus psicologo, la garanzia sui mutui per l’acquisto di una prima casa, la sospensione delle rate dei mutui sull’abitazione principale per chi è in difficoltà: sono tutte misure per cui è richiesto il possesso di un Isee in corso di validità”.

Fone: Il Sole 24 Ore