Le mine disperse sono una delle principali preoccupazioni dei residenti in fuga da Kherson

762
Kherson

La Croce Rossa ha fatto sapere che la distruzione della grande diga di Kherson, nel sud dell’Ucraina, avrà un effetto catastrofico sulla localizzazione delle mine disseminate durante i 15 mesi di guerra e nessuno ora sa dove siano: potrebbero essere ancora nei campi minati o bloccate nel fango del fiume o nei giardini e nelle strade di una più vasta area.

Migliaia di persone sono già state evacuate da alcune zone, mentre l’acqua continua a scorrere lungo il fiume Dnipro, che divide il territorio controllato da Russia e Ucraina, che si accusano a vicenda di aver sabotato la diga di Kakhovka che forniva acqua fondamentale per la Crimea occupata dai russi.

Inoltre, il danno alla diga ha sollevato preoccupazioni per gli effetti a catena sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, che si trova a 150 chilometri a nord e dipende in parte dal serbatoio della diga.

Rafael Mariano Grossi, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica che è incaricata di monitorare l’impianto per conto delle Nazioni Unite, ha affermato che la distruzione della diga ha ridotto significativamente i livelli dell’acqua nel serbatoio utilizzato per fornire acqua di raffreddamento all’impianto. Al momento, questo è intatto e non vi è alcun rischio immediato.

Fonte: The Vision