Alla scoperta della laguna di Venezia: le isole meno conosciute da visitare

Laguna di Venezia
Laguna di Venezia

Partire alla scoperta della laguna veneta può essere sicuramente un’ottima idea per coloro che non conoscono questo territorio e che vorrebbero anche andare ad esplorare i posti meno noti. Abbiamo chiesto a Nadir Regazzo, responsabile commerciale di CompanyMarine, un’azienda specializzata nella vendita di barche Marinello e gommoni Zodiac con sede a Malcontenta (VE) di rivelarci quali siano le gemme nascoste della laguna di Venezia.

Ecco i posti meno famosi che ci ha consigliato:

1 – Poveglia

Una delle isole più particolari e considerate un po’ come se fosse “stregata” è Poveglia. Quest’isola è stata abbandonata dalla metà del secolo scorso e dai veneziani viene considerata come il posto dove trascorrere la domenica all’insegna delle grigliate.

2 – Malamocco

Malamocco può essere considerata come “un’isola dell’isola”. Infatti, è circondata da un canale che la separa dal resto del Lido ed è molto particolare. Vi darà l’impressione di entrare in un’altra dimensione, in un borgo ricco di violetti e con un viale alberato. Qui è possibile visitare il palazzo gotico del Podestà e la chiesa di Santa Maria Assunta che risale al XII secolo.

3 – San Giorgio e San Lazzaro

Un’altra isola da non perdere è quella di San Giorgio Maggiore. Fin dal 1982 è stata sede di un monastero benedettino, viene considerata come l’isola della gastronomia e dell’arte: infatti il suo monastero è sede della fondazione Giorgio Cini e qui vi si trova anche il San Giorgio cafè, un “cafè bistrot che” permette di assaggiare alcuni dei sapori più buoni del territorio. Inoltre vi è anche San Lazzaro degli Armeni. Quest’isola è stato il primo centro di cultura armena ed è anche sede di un monastero. Si dice che in questa isola sia arrivato Lord Byron per andare a “spiare” la storia di questo popolo. In quest’isola è assolutamente da visitare la biblioteca che ospita un affresco del Tiepolo, oltre che manufatti arabi e codici miniati.

5 – Isola della Certosa, isola di Sant’Erasmo e Vignole

Vi è anche l’isola della Certosa che ospita oltre 300 ormeggi, ristoranti, bar e un cantiere navale. Poi vi è la più grande isola di Venezia che è Sant’Erasmo, dove si producono molte verdure: è perfetta per una passeggiata tra vigne e campi. A tal fine vi sono anche i cosiddetti “orti veneziani”, ovvero l’isola delle Vignole o “delle sette vigne”, un piccolo paese molto legato alla tradizione agricola.

6 – San Francesco del deserto, Torcello e Santa Cristina

Tra le altre isole che vale la pena citare e visitare, vi è San Francesco del deserto, ideale per momenti di spiritualità e di pace. Si racconta che San Francesco d’Assisi giunse qui nella primavera del 1920 cercando un luogo dove riposare. Poi vi è l’isola di Torcello dove oggi vivono poco più di 20 persone ed è possibile visitare la basilica di Santa Maria Assunta del 1018. Infine, vi è l’isola di Santa Cristina che si trova a 25 minuti da Venezia: si può affittare e permette di avere l’uso esclusivo della piscina, della casa e di tutta l’isola.

Se il mare è la tua passione, non perderti i nostri articoli sulle perle di mare, luoghi immersi nella natura da visitare con o senza barca.