L’arch. Lisa Borinato presiederà per 4 anni Consiglio Ordine Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori provincia di Vicenza

Con lei è stata definita anche la squadra di lavoro costituita dai Consiglieri eletti che compongono il nuovo Consiglio dell’Ordine, in carica per il quadriennio 2021/2025

Arch. Lisa Borinato, presidente, al centro della foto col nuovo Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Vicenza
Arch. Lisa Borinato, presidente, al centro della foto col nuovo Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Vicenza
- Pubblicità -

L’arch. Lisa Borinato presiederà per i prossimi quattro anni il Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Vicenza, conseguentemente alle recenti elezioni “in versione online”, che hanno visto una grande partecipazione degli Iscritti.

Con lei è stata definita anche la squadra di lavoro costituita dai Consiglieri eletti che compongono il nuovo Consiglio dell’Ordine, in carica per il quadriennio 2021/2025.

Arch. Lisa Borinato, presidente del Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della provincia di Vicenza
Arch. Lisa Borinato, presidente del Consiglio dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della provincia di Vicenza

Tenutasi venerdì 18 giugno nella sede di viale Roma a Vicenza, la prima riunione ha, non solo confermato Lisa Borinato alla carica di Presidente, ma anche Laura Carbognin quale Vice presidente e, quale Segretario,  l’arch. Filippo Forzato.  Il ruolo di Tesoriere verrà ricoperto dall’arch. Giuseppe Gavazzo. Compongono con loro il Consiglio dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della provincia di Vicenza le consigliere e i consiglieri Giulia Andreotti, Gaia Bollini, Alessandro Bonollo, Matteo Busa, Sonia Cattazzo, Romano Concato, Nazzareno Leonardi, Maurizio Porelli, Massimo Sanson, Stefano Tessarolo, Nicola Tracanzan, provenienti dalle varie aree geografiche della provincia di Vicenza.

La proclamazione è già stata trasmessa al Ministero di Giustizia e nei prossimi giorni verranno perfezionate alcune deleghe specifiche ad ogni membro del rinnovato Consiglio.

“Prende inizio” dichiara la presidente Lisa Borinato “un nuovo percorso con una squadra rinnovata, con l’elezione di undici nuovi membri che si aggiungono ai quattro del precedente mandato e che per la prima volta si apprestano a rappresentare gli iscritti dell’Ordine provinciale nelle varie attività istituzionali”.

“Il quadriennio che andiamo ad affrontare” aggiunge la presidente Lisa Borinato “sarà particolarmente impegnativo considerando le difficoltà apportate dalla pandemia, che hanno contraddistinto questo momento storico e che ha limitato fortemente le attività. Nonostante ciò, la forte motivazione che accomuna questo gruppo di Consiglieri, li impegnerà per portare a compimento l’ambizioso programma prefissato”.

Il maggior numero dei nuovi Consiglieri proviene dall’incontro di quindici professioniste e professionisti uniti sotto il nome di archiView, distribuiti su tutto il territorio della provincia di Vicenza che, come riferisce la Presidente “mettono a disposizione dell’Istituzione tempo, passione, impegno, competenza con senso di appartenenza alla comunità professionale. La volontà, per i prossimi anni, si concentrerà nel garantire più architettura, ricerca e qualità, coinvolgimento sociale e informazione e in quest’ottica ognuno di noi si impegnerà nel portare avanti un programma di mandato formulato su quattro temi principali: professione, cultura, servizi e formazione”.

La visione pragmatica del nuovo Consiglio dell’Ordine vuole finalizzare risultati concreti in un periodo di incertezza degli scenari futuri e alle presenti difficoltà della professione.

La Presidente Borinato conclude con un invito a tutti i colleghi iscritti a collaborare al lavoro di questo Consiglio e alle attività dell’Ordine con la professionalità e le diverse anime che contraddistinguono da sempre gli architetti”.

-Pubblicità-
Nata a Vicenza il 25 gennaio 1954, studentessa mediocre, le bastava un sette meno, anche meno in matematica, ragazza intelligente, ma poca voglia di studiare, dicevano i suoi professori. Smentisce categoricamente , studiava quello che voleva lei. Formazione turistica, poi una abilitazione all’esercizio della professione di hostess di nave, rimasta quasi inutilizzata, un primo imbarco tranquillo sulla Lauro, un secondo sulla Chandris Cruiser e il mal di mare. Agli stipendi alti ha sempre preferito l’autonomia, ha lavorato in aziende di abbigliamento, oreficeria, complemento d’arredo, editoria e pubbliche relazioni, ha girato il mondo. A trent’anni aveva già ricostruito la storia degli ebrei internati a Vicenza, ma dopo qualche articolo, decise di non pubblicare più. Non sempre molto amata, fa quello che vuole, molto diretta al punto di apparire antipatica. Dove c’è bisogno, dà una mano e raramente si tira indietro. E’ generosa, ma molto poco incline al perdono. Preferisce la regia alla partecipazione pubblica. Frequenta ambienti ebraici, dai riformisti agli ortodossi, dai conservative ai Lubavitch, riesce nonostante il suo carattere a mantenere rapporti equilibrati con tutti o quasi. Sembra impossibile, ma si adegua allo stile di vita altrui, in casa loro, ovviamente.