“Sono passati 21 anni da quel pomeriggio dell’11 settembre 2001, che ciascuno di noi ricorda come una giornata dolorosa non solo per il popolo americano, ma per tutto l’Occidente. Ricordo perfettamente quel giorno, peraltro mi trovavo in aeroporto: presi il volo Delta diretto a New York, che tornò subito indietro a Venezia. Ricordo il dramma delle immagini che hanno fatto il giro del mondo, ricordo le immagini dei morti, della immensa tragedia che ci ha colpiti tutti”.

Sono le parole del Presidente della Regione del Veneto con cui commemora oggi l’anniversario di quel tragico 11 settembre del 2001.

“La mia mente rammenta gli aerei sulle Twin Towers a New York e sul Pentagono, e il velivolo schiantatosi in Pennsylvania diretto alla Casa Bianca, che dettero l’impressione vivida di una tragedia epocale, di un giorno dopo il quale nulla sarebbe stato come prima. Oggi esprimo la mia vicinanza, a nome di tutti i veneti, ai 14.000 cittadini statunitensi residenti sul nostro territorio. Resistere al fanatismo violento è un dovere che ci accomuna, oggi come allora, soprattutto quando vengono colpiti civili inermi nelle loro attività quotidiane”.

“Il Veneto – ha detto infine il Presidente – desidero rammentarlo, ha eretto un monumento unico in Europa, precisamente a Padova, proprio nelle vicinanze della Cappella degli Scrovegni, come memoriale all’11 settembre, intitolato “Memoria e luce”, opera dell’architetto Daniel Libeskind, lo stesso artista che ha messo la sua firma sulla ricostruzione di Ground Zero. L’opera è un vero e proprio capolavoro: rappresenta un grande libro di vetro e di acciaio, aperto e orientato verso la Statua della Libertà di New York. Un’opera simbolo concreto di libertà e democrazia, che dovrebbero rappresentare un valore indiscutibile e inestimabile per tutti i popoli della Terra”.

Articolo precedenteCovid Veneto 11/9: 1.223 casi (-662), 1 morto (-2). A Vicenza 259 casi (-155) e 0 morti. Dati e tabelle province
Articolo successivoCovid Italia 11/9: 12.317 casi (ieri 15.565), 34 morti (+16), 108.644 tamponi, positivi 11.3% (+0.2%), 200 (+7) in area intensiva, 3.923 (-13) in medica
Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950) è il direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su Veneto (focus Vicenza), Nord est in genere, Lazio con focus su Roma istituzionale e storica, Riviera di Ulisse e Monti Aurunci, Italia e uno sguardo su Europa e mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”.