Maltauro costruzioni di Vicenza, Il Sole 24 Ore: “Ecco il piano industriale: punta a 2,3 miliardi di commesse”

336
Maltauro costruzioni Vicenza

Il gruppo Icm-Impresa costruzioni Maltauro di Vicenza ha approvato il piano industriale relativo al triennio 2024-2026. Il brand riunisce società industriali, operanti prevalentemente nel settore delle costruzioni, in più aree di intervento e con specializzazioni finalizzate, per la realizzazione di grandi lavori di ingegneria civile, industriale e infrastrutturale.

Il piano industriale triennale di costruzioni Maltauro Vicenza viene anticipato oggi, venerdì 12 aprile 2024, da Il Sole 24 Ore in edicola. Il punto saliente è costituito dai 2,3 miliardi di euro in nuove commesse che il gruppo punta ad acquisire, per due terzi nell’ambito delle infrastrutture e per il terzo restante in edilizia. Per ognuno dei tre anni viene ipotizzata una crescita del 19%. Circa 70 milioni di euro, inoltre, saranno investiti per parco mezzi e macchinari e per il miglioramento delle performance di sicurezza e sostenibilità.

Il quotidiano economico sottolinea quanto sia importante il Pnrr per gruppo Icm-Impresa costruzioni Maltauro di Vicenza: “La società veneta, che nel 2023 ha registrato un fatturato di 669 milioni di euro (+12% rispetto al 2022), oggi gestisce un portafoglio consolidato di oltre 3,4 miliardi di euro (l’83% del quale è costituito da commesse in Italia di cui 1,1 miliardi con fondi Pnrr). Il valore delle commesse acquisite nel 2023 è pari a 984 milioni di euro (+31% rispetto all’obiettivo stabilito nel precedente piano industriale, ovvero 750 milioni), di cui 592 milioni afferenti a progetti finanziati nell’ambito del Pnrr, a conferma del ruolo chiave che il Piano nazionale di ripresa e resilienza ricopre per lo sviluppo dell’azienda. Tra le grandi opere che vedono impegnata Maltauro in Italia c’è anche l’alta velocità Brescia Est-Verona, anch’essa finanziata con fondi del Pnrr”.

In ambito commesse, il gruppo ha iniziato il 2024 portandone a casa 3 per un totale di circa 405 milioni di euro, pari al 54% del target fissato per l’intero anno. Queste sono l’Officina Giuliano a Napoli per 280 milioni di euro, la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori per la velocizzazione della tratta Grassano-Bernalda, sulla direttrice Taranto-Metaponto-Potenza-Battipaglia, per un valore di 240 milioni di euro e commissionata da Rfi, e infine uno dei due lotti previsti per la nuova linea tramviaria a guida vincolata Sir 2 della città di Padova.

Infine, viene riferito del progetto di Maltauro costruzioni Vicenza per far fronte alla generalizzata carenza di personale, ovvero Young Talents, giovani talenti: un progetto speciale di formazione e inserimento destinato ai neolaureati in scienze tecniche ed economiche. L’iniziativa – viene spiegato – ha permesso di inserire in azienda circa 30 nuove risorse negli ultimi 3 anni, con una rappresentanza femminile di circa il 50% del totale.

Fonte: Il Sole 24 Ore