Stanotte, 21 settembre, se ne è andato a soli 55 anni (era nato a Vicenza il 20 dicembre 1966) Matteo Quero che si è dovuto arrendere a un male incurabile. L’ho conosciuto poco tempo dopo il mio arrivo a Vicenza, ignorante come ero della città, come titolare dell’agenzia OgniPratica, prima, e poi come impegnato nell’attività sociale.

Grazie a lui fui ospite di Giannino Marzotto in una allora tradizionale festa per gli immigrati e lui, con un altro liberale scomparso prematuramente, Paolo Colla, di cui qui riproponiamo una nostra doppia intervista, fu l’animatore di “Nessuno escluso“, un’associazione che elaborò contenuti anche per la sua azione politica e, quindi, amministrativa, prima a palazzo Nievo, in provincia, poi come assessore comunale e, infine, come amministratore di Amcps.

Di lui, quando cominciammo ad avere contatti più frequenti e amicali, ricordo l’incoraggiamento che, per primo, diede alla sviluppo delle versione web del periodico VicenzaPiù da me fondato, contro molte “disapprovazioni” di chi contava in città, e, perciò, ViPiu.it, allora VicenzaPiu.com, gli rivolge oggi un pensiero sentitamente ancora più affettuoso: lui vedeva anche il futuro.

Ma è Achille Variati a ricordare Matteo Quero in maniera ancora più compiuta e a lui ne affidiamo il commiato: «Matteo, innanzitutto, è stato un amico vero su cui potevo sempre contare. Intelligente, originale, sempre sincero anche nei momenti difficili della sua vita. Generoso nell’impegno pubblico, mosso da un grande amore per Vicenza. Se ne è andato nel giorno del suo onomastico, in punta di piedi, quasi a non voler disturbare nessuno. Mi mancherà, mi mancherà molto».

Articolo precedenteCovid Veneto 21/9: 3087 casi (-503), 0 morti. Vaccini 881. A Vicenza 630 nuovi casi. Dati e tabelle province
Articolo successivoSi riunisce il Consiglio della Provincia di Vicenza: focus su bilancio consolidato
Giovanni Coviello (nato l'8-12-1950), dopo aver affiancato al lavoro di marketing e comunicazione da imprenditore nel mondo dell'informatica e dopo essere stato anche responsabile editoriale dell'inserto mensile di Pc Week e free lance del mensile Espansione di Mondador dal 1993 al 1994, è il fondatore e direttore responsabile di ViPiu.it, nata come testata cartacea VicenzaPiù il 25 febbraio 2006, poi cresciuta dal 2008 con la sua versione web, che ha integralmente sostituito quella cartacea dal 1° gennaio 2016, e che, da due anni, ha assunto la denominazione attuale, non connotata geograficamente, a significare che il quotidiano web indipendente si occupa di notizie e approfondimenti su u Vicenza/Veneto/Italia/Borghi d'Italia/Europa/Mondo. Dopo un'iniziale esperienza da ingegnere elettronico come ricercatore volontario universitario a Roma (1976) e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (Accademia di Livorno, 1976-78) ha maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore dell'informatica (1978-1993), ha ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi si è occupato di marketing e gestione sportiva di vertice (volley femminile di A1 a Roma e Vicenza) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, è stato direttore editoriale di un inserto di marketing internazionale su Pc Week (Mondadori Informatica), collaboratore di Espansione (Mondadori), per poi concentrarsi direttamente dal 2008 sulle edizioni giornalistiche. È giornalista professionista da gennaio 2020, ha curato vari libri e pubblicato direttamente, tra questi, “Vicenza. La città sbancata”, “BPVi. Bugie Popolari Vicentine”, “BPVi. Risparmiatori ingannati. L’azione di (ir)responsabiltà”, “Roi, la fondazione demolita”. "Babca Popolare di Vicenza. La cronaca del processo"