Il calcio è uno sport affascinante e trascinante. Ed è sempre stato una delle colonne Ragazze Nel Pallone, il più grande evento di sport femminile che si tiene a Padova da quattordici anni.

Tutti gli sport si evolvono, ed anche il calcio, soprattutto negli ultimi anni, sta mutando la sua cultura, cominciando a riservare un posto di rilievo a quello femminile. Ragazze Nel Pallone desidera non solo prendere atto del cambiamento, ma addirittura anticiparlo,
fornendo alle giovani e giovanissime aspiranti calciatrici un’opportunità molto importante.

Spesso le bambine, a differenza di quanto accade per i maschietti, non hanno modo di entrare in contatto con il calcio, per motivi che sono culturali (si pensa sia più “normale” che siano i maschi a prendere a calci una palla) o logistici (spesso per trovare una squadra femminile le bambine devono coprire lunghe distanze).
Per questo nell’ambito dell’evento di questo 2022, le bambine e le ragazze fino ai diciotto anni potranno avere un’esperienza di avviamento al calcio.

Con Anastasia Bagaglini, atleta di livello europeo, potranno divertirsi con il calcio freestyle, disciplina molto spettacolare. Arianna Pomposelli illustrerà alle giovanissime atlete la bellezza del futsal. Sarà invece Area Portieri 27, scuola calcio che guarda al futuro, a far provare alle giovani sportive la sensazione di stare fra i pali. La figura della portiera, infatti, è fra i ruoli del calcio femminile quello finora più trascurato a livello di preparazione, con immaginabili effetti sullo svolgimento degli incontri.

Ragazze Nel Pallone desidera contribuire a colmare questa lacuna, per questo metterà degli spazi a disposizione della scuola portieri per un “open day” che si terrà domenica 10 luglio all’Impianto Polifunzionale Filippo Raciti di Padova.

Ragazze Nel Pallone è da sempre attento al tema della parità di genere e cerca di contribuire a creare le condizioni affinché non abbiano più luogo discriminazioni di ogni tipo; per questo è attenta alle nuove generazioni e vuole fornire alle giovanissime donne la possibilità di avere pari opportunità di realizzarsi nello sport e di rappresentarlo, al pari degli atleti maschi, nelle sedi istituzionali.