Par condicio, La Repubblica dopo nuovo regolamento: “Da Meloni deriva orbaniana”

404
autonomia sociale ispezione UE par condicio

Nuove critiche al Governo Meloni dopo la norma approvata dalla maggioranza che modifica il regolamento sulla par condicio per le europee dell’8-9 giugno, nei programmi di approfondimento giornalistico pubblico.

In un articolo a firma di Matteo Pucciarelli su La Repubblica di oggi, vengono raccolte le lamentele, in particolare quelle dell’Usigrai, sindacato dei giornalisti della Rai: “Si ritorna all’Istituto Luce“.

Le modifiche prevedono che Ministri e sottosegretari non avranno alcun vincolo di tempo nei programmi purché sia riferito all’attività istituzionale.

Nell’analisi sulle novità introdotte si legge: “La “deriva orbaniana” di Giorgia Meloni, come la definisce il Pd e ben descritta dalle rappresentanze giornalistiche, fa scatenare in maniera compatta le opposizioni, visto come detto che si potranno ampliare a dismisura gli spazi per premier e ministri”.

E ancora:Toccherà all’Agcom monitorare, oltre che quelle delle forze politiche, le presenze di rappresentanti istituzionali durante la par condicio sulla base delle previsioni di legge, in particolare quella del 1993, e dei regolamenti approvati ed eventualmente invitare al riequilibrio o irrogare sanzioni.

Domani – prosegue il quotidiano – si riunirà il Consiglio dell’Autorità per dare il via libera definitivo alla delibera approvata e trasmessa alla Vigilanza, valida per le emettenti private. Andrà a finire che per le reti private le regole saranno più restrittive, mentre in Rai impazzerà TeleMeloni. Questo grazie alla riforma del 2015 voluta dall’allora premier Matteo Renzi: il cda della Rai è composto non più da cinque consiglieri nominati dai presidenti di Camera e Senato ma da sette consiglieri, due di nomina governativa: quattro su sette quindi sono espressione della maggioranza. Anche l’ad è di nomina del cda ed è lui a sua volta a investire dirigenti di primo livello e direttori vari. Insomma, alla fine la destra sta agendo con una perfetta manovra a tenaglia”.

Fonte: La Repubblica