Per i lavoratori veneti la carriera non è una priorità, ma è importante la retribuzione: sondaggio agenzia per il lavoro MAW

392
Lavoratori veneti e carriera
Lavoratori veneti e carriera

Per i veneti la carriera è importante, ma viene al quarto posto nella lista delle priorità dei lavoratori. Nelle posizioni precedenti troviamo la famiglia al primo posto, realizzazione personale e vita privata, rispettivamente al secondo e terzo posto.

Ciò è quanto risulta dal sondaggio “Le nuove lenti per il mercato del lavoro” effettuato dall’agenzia per il lavoro MAW, che fa parte del W-Group. L’indagine è stata fatta su un campione di 2600 lavoratori italiani, di cui il 10% erano veneti.

Sul posto di lavoro, i dipendenti veneti mettono al primo posto l’avere uno stipendio adeguato (77%): a Padova lo indica il 78%, a Rovigo e Verona l’83%, a Treviso il 79%, a Venezia il 67%, e a Vicenza il 77%.

Per i dipendenti veneti la carriera non è l’aspetto più importante nel lavoro e lo si può notare soprattutto a Verona. Infatti tra gli intervistati solo il 27% dà importanza alle promozioni, mentre, per il 47%, un ruolo fondamentale lo ricopre la vicinanza lavoro-casa. Questo è uno dei motivi per cui il 35% decide di non cambiare lavoro, insieme al rapporto con i colleghi. 

Gli aspetti principali per un buon clima aziendale

Un ambiente lavorativo positivo è essenziale per favorire la massima produttività dei dipendenti. In questo contesto, il 59% dei lavoratori ha descritto il rapporto con i colleghi come amichevole, mentre il 33% ha affermato di avere fiducia in loro. Per il 21% però questo rapporto è ancora migliorabile. 

Anche la relazione con il proprio superiore è rilevante. Di fatto, tra le caratteristiche di un leader per i dipendenti veneti sono fondamentali: la valorizzazione dei talenti, il saper ascoltare, la capacità di dare fiducia e favorire il lavoro in team. Secondo i dati riportati dal sondaggio, il 60% dei veneti che hanno trovato queste qualità nel proprio capo non hanno più cambiato lavoro.

Tra le ragioni principali che spingono le persone a cambiare datore di lavoro, la più comune è la mancanza di riconoscimento per il proprio impegno, insieme all’insoddisfazione riguardo alle mansioni svolte.

Gli aspetti più importanti nel lavoro per i vicentini

Nella lista delle priorità per i lavoratori vicentini, la retribuzione adeguata è la principale, seguita da un ambiente lavorativo gradevole e dalle opportunità di crescita personale. Il 47% considera la crescita professionale un aspetto rilevante, mentre il carico di lavoro e lo stress ricevono meno attenzione. I benefit aziendali più popolari per i dipendenti della città del Palladio sono la formazione gratuita per il 17% e buoni pasto per il 7%. Mentre per Venezia e Padova il 18% dei lavoratori ha gradito la dotazione di un telefono aziendale.

Chi ha partecipato al sondaggio?

Gli intervistati rappresentano una varietà di settori industriali, tra cui Metalmeccanica, Alimentare, Servizi, Commercio, Chimica, Gommaplastica, Pubblica Amministrazione, Trasporti e Multiservizi. La stragrande maggioranza (89%) è impiegata in aziende con più di 50 dipendenti. In termini di contrattualizzazione, il 24% ha un contratto di somministrazione, il 40% è assunto direttamente dall’azienda, mentre il 25% è attualmente disoccupato e alla ricerca di lavoro. Le percentuali associate alle risposte multiple nelle domande riflettono l’incidenza dei dati sull’intero campione intervistato.