Per le ‘baciate’ è chiamata in causa anche la SGA cessionaria dei crediti della BPVi in Lca

308

Il giudice Bianca Maria Biondo della I sezione civile del tribunale di Vicenza ha autorizzato, con decisone del 12 luglio 2018, per “l’estensione del contraddittorio… la citazione di SGA S.p.a.” fissando “la comparizione delle parti avanti a sé e la trattazione della causa la nuova udienza del 21 dicembre 2018…“. Il giudizio era stato promosso dal socio di Banca Popolare di Vicenza verso l’Istituto ora in Liquidazione Coatta Amministrativa chiedendo la “declaratoria di nullità dell’operazione di finanziamento concesso dalla Banca per l’acquisto di azioni proprie (cd. “baciate“)“.
L’autorizzazione della chiamata in causa della società cessionaria dei crediti, la SGA, apre un nuovo fronte per questa categoria di “debitori” che a fronte dell’importo da restituire alla BPVi in Lca si trovano in tasca della semplice carta straccia in azioni. Per similitudine si può pensare ad un analogo diritto per i titolari di baciate di Veneto Banca.